Bonus affitti 2021: come funziona, quanto vale e chi può richiederlo

0

Bonus affitti 2021: il governo ha previsto un contributo a fondo perduto ma la domanda sta per scadere. Come funziona e chi può richiederlo

Un mezzo ai provvedimento del nuovo Decreto Ristori ce n’è anche uno molto interessante che riguarda il problema abitativo in Italia. Parliamo del Bonus Affitti 2021, dedicato ai proprietari di casa che hanno ridotto la quota dei loro inquilini. Un contributo spettante tanto ai locatori persone fisiche non titolari di partita Iva, quanto invece ai  locatori, persone fisiche o soggetti diversi, che sono titolari di partita Iva.

(Facebook)

Lo scopo è chiaro, abbassare i canoni e quindi calmierare i prezzi degli affitti più sostenibili per tutti cancellando gli effetti della pandemia da Covid-19. Per questo l’importo del bonus sarà proporzionale a quello generale delle riduzioni dei canoni (ma solo per uso abitativo) relative alle mensilità del 2021. Vale però anche per quelle concordate entro il 31 dicembre 2021, a patto di rispettare i tempi della domanda.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus TV disponibile da oggi: come funziona e chi può richiederlo

Bonus affitti 2021: quando vale e come presentare la domanda all’Agenzia delle Entrate

Il Bonus Affitti 2021 corrisponde al 50% dell’ammontare complessivo degli sconti praticati dal proprietario, per un valore massimo di 1.200 euro per ciascun locatore. E  on fa differenza se il contratto è stato stipulato con il regime ordinario oppure con la cedolare secca.

Quali sono quindi i requisiti da rispettare? Quello principale è il fatto di essere proprietari di case affittate come abitazione principale. Inoltre l’immobile deve essere in un comune ad alta tensione abitativa, quindi tutti i comuni che sono capoluogo di regione o di provincia, oltre ai comuni confinanti.

Il bonus è riconosciuto però solo per i contratti già in atto dal 29 ottobre 2020. E per ottenerlo, la rinegoziazione deve essere stata concordata nel periodo tra il 25 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021.

(Pixabay)

Chi vuole beneficiare deve presentare domanda all’Agenzia delle Entrate esclusivamente in modalità telematica, entrando nell’area riservata entro il 6 settembre. Si accede tramite Spid, carta d’identità elettronica, carta nazionale dei servizi oppure Entratel/Fisconline.

Ricordiamo infine che il bonus sarà erogato nel 2022 perché l’Agenzia ha tempo fino al 31 dicembre 2021 per esaminare le richieste. Complessivamente, i fondi destinati dal governo sono pari 100 milioni di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui