Attentato all’aeroporto di Kabul, oltre 100 morti. Rivendicazione dell’Isis

Sale il bilancio del tragico attentato all’aeroporto di Kabul, mentre Joe Biden promette una rappresaglia nei confronti dei responsabili della strage.

0
Attentato Kabul
Afghanistan, attentato a Kabul (Foto: Getty)

Sarebbe di 103 morti, tra cui 13 marines statunitensi e di oltre 150 feriti il numero delle persone coinvolte nel tragico attentato di ieri all’aeroporto di Kabul. L’attacco è avvenuto nella zona dell’Abbey Gate, area controllata dall’esercito americano e britannico, dove al momento dell’esplosione erano ammassate circa cinquemila persone tra civili, militari e funzionari internazionali. L’azione terroristica è stata rivendicata dall’ Isis-K, costola afghana di Daesh (Isis), attivo soprattutto nella provincia del Khorasan. Il gruppo jihadista, nemico del nuovo governo dei talebani, attraverso l’agenzia di stampa collegata, Amaq, ha pubblicato un testo di rivendicazione , allegando anche la foto di uno dei kamikaze responsabile della strage di ieri.

La prima esplosione è avvenuta fuori dal Baron Hotel, dove un kamikaze si è fatto saltare in aria, mentre la seconda la seconda detonazione, forse di un’autobomba, ha devastato un’altra area più vicino al gate, in prossimità di un canale fognario dove erano accalcati migliaia di profughi che cercavano una via d’uscita dal Paese.

Le parole del presidente Biden

Biden
Il presidente Usa Joe Biden (Foto: Getty)

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, nonostante le critiche e le richieste di impeachment per la fallimentare exit strategy dall’Afghanistan, ieri sera è apparso in lacrime in diretta alla nazione, parlando degli «eroi morti a Kabul per una missione altruista». Il presidente poi ha fatto una promessa agli attentatori: «Non dimenticheremo, vi prenderemo e ve la faremo pagare. E l’America non si farà intimidire, l’evacuazione va avanti e siamo pronti a inviare altre truppe se sarà necessario».

Anche il generale Frank McKenzie, capo dello Us Central Command, dopo aver confermato il rischio di nuovi possibili attentati contro truppe e civili, ha affermato che “gli Stati Uniti sono pronti alla rappresaglia contro gli autori dell’attacco”, nel quale ha detto di non ravvisare una complicità dei Talebani.

I Talebani nel frattempo hanno condannato l’attacco, scaricando tuttavia la responsabilità di quanto accaduto sugli Stati Uniti, responsabili della sicurezza dell’area in cui ci sono state le esplosioni, come ha dichiarato il portavoce Zabihullah Mujahid, che ha poi assicurato che “i talebani sono impegnati nella difesa della popolazione e nel cercare di fermare i nemici responsabili dell’attacco”

L’impegno italiano in Afghanistan e le reazioni all’attentato

Decreto Covid
Le parole del Presidente del Consiglio (Screenshot Youtube)

È previsto per oggi l’ultima partenza del ponte aereo italiano con l’Afghanistan, dopo che ieri un velivolo in fase di decollo è stato sfiorato da alcuni proiettili poco prima delle esplosioni che da lì a breve avrebbero distrutto l’aeroporto di Kabul. “Condanno questo orrendo e vile attacco contro persone inermi che cercano la libertà. Ringrazio tutti gli italiani che si prodigano in questo straordinario sforzo umanitario per salvare i cittadini afgani» sono state le parole del premier Draghi.

Gli fa eco il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini che in un’intervista ha dichiarato: “Siamo sgomenti davanti alle vittime di questi indegni attentati. Nonostante tutto continueremo a evacuare gli afgani presenti in questo momento all’interno dell’aeroporto. Ne abbiamo ancora quasi 300 da portare in Italia con quattro voli, ed è quello che faremo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui