Green pass, ipotesi proroga a 12 mesi della validità: terza dose possibile

La validità dei lasciapassare verde potrebbe essere estesa dal governo da 9 a 12 mesi per oltrepassare l'ostacolo della scadenza del green pass dei primi vaccinati di gennaio

0

 

green pass

La durata di nove mesi del green pass sta per scadere per quei primi vaccinati che già a gennaio 2021 si erano messi in fila per l’iniezione. A ottobre la loro certificazione non sarà più valida.

Il governo è al lavoro su delle modalità di azione per ovviare a questo ostacolo e al momento l’ipotesi più quotata è quella di estendere la durata del green pass a dodici mesi dall’ultima vaccinazione e a sei mesi dalla prima dose.

Dati sui vaccinati in Italia

I dati sulle vaccinazioni ci riportano una situazione ottimistica, infatti oltre il 68 per cento degli italiani sopra i dodici anni ha già ricevuto la seconda dose. Sono diciannove milioni, invece, le persone che non hanno ancora completato il procedimento.

Nessun notizia ufficiale trapela invece sull’ipotesi di una terza dose di vaccino, l’iniziale scadenza del green pass a sei mesi dalla vaccinazione sarà ulteriormente rimodulata per adattarsi agli studi continui condotti sul coronavirus e sul periodo di immunizzazione.

Vantaggi della terza dose

Secondo i sostenitori della terza dose, questa avrebbe un effetto ‘booster’ sui linfociti di “memoria”. Sarà quindi destinata alle persone fragili e immunodepresse in prima istanza, i comitati tecnici valuteranno solo in seguito se estendere questa possibilità anche a tutti gli altri vaccinati.

La durata effettiva dell’immunità conferita al nostro corpo dai vaccini non è ancora chiara. Sebbene gli anticorpi diminuiscano col passare dei giorni, la risposta cellulare al virus si sta dimostrando più duratura di quanto ipotizzato inizialmente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui