Omicidio di Treviglio: perché Manuela è stata uccisa dalla figlia 15enne

Prima dell'omicidio, tra madre e figlia ci sarebbero stati diversi litigi. La quindicenne è assistita da uno specialista e seguita dal Tribunale dei Minori di Brescia

0

Ci sarebbe una lite familiare per futili motivi dietro all’omicidio avvenuto sabato 14 agosto a Treviglio, in provincia di Bergamo. Una figlia di quindici anni avrebbe ucciso la madre dopo che lei l’avrebbe rimproverata per una faccenda domestica non eseguita come si sarebbe aspettata.

LEGGI ANCHE: Afghanistan, all’aeroporto di Kabul il tentativo disperato (e inutile) di chi non può fuggire

Stando alle ricostruzioni, le due stavano montando un armadietto in casa, quando avrebbero cominciato a litigare, fino a che la quindicenne non avrebbe impugnato il coltello col quale avrebbe colpito al petto la madre.
A chiamare i soccorsi sarebbe stata proprio la giovane: “Ho bisogno di aiuto, ho fatto del male alla mamma”, avrebbe detto al Numero Unico delle Emergenze 112. Sul posto sono subito arrivati i soccorsi, poi i carabinieri e il sindaco Juri Imeri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Aumento dei contagi, Andrea Crisanti a iNews24: “Immunità di gregge impossibile da raggiungere a causa della variante Delta”

Cosenza, uccide il fratello travolgendolo più volte con l'auto
Carabinieri (Foto: Facebook)

Cosa si sa del rapporto tra madre e figlia

La giovane ha raccontato tutto ciò che sarebbe accaduto agli investigatori. Adesso è assistita da uno specialista e seguita dal Tribunale dei Minori di Brescia. Manuela Guerini era una madre single ed ha messo al mondo la figlia a 28 anni (oggi ne aveva 43). Come riporta il Corriere della Sera, l’uomo avrebbe dato il suo cognome alla figlia, ma non si sarebbe mai occupato appieno di lei. Tra madre e figlia, le liti sarebbero state molto frequenti.

La donna era impiegata in uno studio di commercialisti di Treviglio. Terminati gli accertamenti sulla salma, il corpo di Manuela Guerini è stato trasferito all’Ospedale Papa Giovanni XXXIII di Bergamo, dove il magistrato di turno ha aperto un fascicolo di indagine e predisposto l’autopsia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui