Cashback, la resa dei conti: italiani con il fiato sospeso

0

Cashback, la resa dei conti: italiani con il fiato sospeso perché siamo finalmente arrivati alla fase dopo mesi di raccolta e di attesa

L’ultima settimana di attesa prima di stappare le bottiglie, anche se sarà soltanto l’inizio. Dopo mesi di fatiche, calcoli e attese, per tutti quelli che hanno partecipato al Cashback di Stato e al Super cashback è arrivato finalmente il tempo di passare al raccolto che per loro in realtà significa incasso.

La prima lunghissima fase è stata chiusa il 30 giugno scorso e il governo ha deciso di prendersi due mesi per tutti i controlli del caso e per mettere a bilancio i soldi che dovrà rifondere agli italiani. Ora che anche questa incombenza è stata portata a termine, scatta la fase due. In questo giorni tramite l’App IO, unica che permetteva di iscriversi, è arrivato o sta arrivando il messaggio per mettere la pietra tombale sui conti

E così gli italiani potranno vedere con i loro occhi materializzarsi gli effetti del loro lavoro. In teoria i pagamenti per il Cashback di Stato erano stati promessi entro il 30 agosto, 60 gironi dopo la fine della prima fase. In pratica però già la prossima settimana, quella che comincerà il 16 agosto, i primi rimborsi potrebbero arrivare sui conti indicati all’atto dell’iscrizione.

(Pixabay)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, importantissima modifica in extremis: cittadini sorpresi

Cashback, la resa dei conti: per colpa dei ricorsi ci sono rimborsi che arriveranno solo a fine novembre

Tutto qui, quindi, per riavere sul conto un massimo di 150 euro in base alle spese dimostrabili nei primi sei mesi del 2021. Gli italiani non dovranno fare nulla di strano, se non controllare il conto per verificare che effettivamente il versamento sia stato fatto.

(Pexels)

Discorso diverso invece per chi ha partecipato al Super Cashback (anche se in realtà molti hanno aderito ad entrambi i piani di rimborso). In questo caso l’attesa sarà infatti più lunga, perché il tetto massimo è più alto: sono 1.500 euro a testa che arriveranno entro il 30 novembre 2021. Un tempo tecnico necessario, anche perché chi è stato escluso dalla classifica potrà presentare ricorso fino al 29 agosto prossimo. E prima che sia stato verificato tutto, servirà ancora del tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui