Bonus rottamazione tv, domande al via: come funziona e chi ne beneficia

0

Bonus rottamazione tv, domande al via: il governo ha comunicato le date utili, ecco come funziona e chi ne potrà beneficiarne

Se fino ad oggi il bonus rottamazione tv vi era sembrato solo un’ipotesi, adesso finalmente ci sono dati e numeri concreti. Dopo il decreto firmato dal ministro Giancarlo Giorgetti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, sappiamo che la richiesta potrà essere presentata dal prossimo 23 agosto.

(PIxabay)

Lo scopo fondamentale è quello di incentivare l’acquisto di televisori che siano compatibili con le nuove tecnologie di trasmissione del digitale terreste Dvbt-2/Hevc Main 10.  A partire dal 15 ottobre 2021 infatti alcuni programmi nazionali verranno trasmessi esclusivamente con la nuova codifica DVBT/MPEG4. Per questo diversi canali, a cominciare da quelli della Rai, non saranno più visibili sul digitale terreste da chi non ha apparecchi televisivi adatti alla nuova tecnologia.

Il nuovo calendario per la rimodulazione delle frequenze partirà dal 15 novembre 2021 al 18 dicembre 2021 nell’area 1A Sardegna. Dal 3 gennaio 2022 al 15 marzo 2022 nell’area 2  (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano) Sempre nella stessa data anche nell’area 3 (Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza). Dal 1° marzo 2022 al 15 maggio 2022 nell’area 4 (Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche). E dal 1° maggio 2022 al 30 giugno 2022 nell’area 1B (Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus Mobili 2021, chi rischia di perderlo? La regola vale per tutti

Bonus rottamazione tv, lo sconto sui nuovi apparecchi arriva dal venditore

Come funziona quindi il bonus rottamazione tv? Prevede uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto fino a un massimo di 100 euro, senza limiti di Isee. L’adesione da parte dei negozi è su base volontaria e il Mise sta effettuando la raccolta di tutti gli esercizi che aderiranno per inserirli in una grande anagrafe nazionale. La lista ufficiale dovrebbe essere pubblicata nei prossimi giorni sul sito del Ministero.

streaming
(Pixabay)

Dovrebbero essere più di  15 milioni i televisori da rottamare nei prossimi 15 mesi. E per chi vuole farlo, basterà un modulo da compilare per una serie di autocertificazioni. Con quello, la copia del codice fiscale e della carta d’identità, potrete recarvi in negozio per rottamare il vostro televisore e acquistarne uno di nuova generazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui