Jasmine Carrisi: “Sto malissimo”. Cosa è successo alla figlia di Al Bano

0

Brutte notizie per Jasmine Carrisi. La figlia del cantante Al Bano ha dato l’annuncio sui suoi canali social: cosa le è successo

jasmine carrisi
Jasmine Carrisi ha rivelato le sue condizioni tramite il suo account Instagram (screenshot)

Una notizia comunicata direttamente tramite i suoi profili social: Jasmine Carrisi è risultata positiva al Covid. La figlia del cantante pugliese Al Bano ha aggiornato i follower sulle sue condizioni di salute. “Comunicazione importante, sono positiva. Sto veramente una m***a, sto malissimo. Però passerà, spero prestole sue parole.

La figlia del cantante aveva già ricevuto la prima dose del vaccino, e a breve avrebbe completato l’intero ciclo. Poco fa, ai microfoni di AdnKronos è intervenuto Al Bano stesso per parlare delle condizioni di salute di sua figlia. “Non sta bene. L’abbiamo dovuta segregare e, per una ragazzina di 20 anni, non è facile. Ha la febbre a 39, è spossata e ha un po’ di tosse. Tutti i sintomi tipici di questo maledetto virusle sue parole.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Isola dei Famosi, Fariba Tehrani in ospedale: le sue condizioni – VIDEO

Jasmine Carrisi, parla Al Bano: “Chissà come starebbe senza la prima dose del vaccino”

Al Bano, la sua confessione sconvolge tutti
Le parole di Al Bano sulle condizioni di sua figlia (Screenshot Rai)

Jasmine Carrisi è risultata positiva al Covid. Ai microfoni di Adnkronos, ha parlato delle condizioni di sua figlia anche Al Bano, dopo le parole della stessa Jasmine sui sui canali social. “Chissà come starebbe oggi se non avesse fatto nemmeno la prima dose del vaccino. È dura vederla in quelle condizioni, aggredita da un microbo contro cui non puoi fare praticamente nulla. Il vaccino è la salvezza dell’umanità” ha raccontato il cantante pugliese.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Amici 20, Aka7even furioso: tutta la verità sul rapporto con Sangiovanni – VIDEO

Green Pass? Credo che tutte le precauzioni utili per allontanare il virus vadano prese, vadano fatte e vadano rispettate. Mi vengono in mente le lunghe file di 70 anni fa vicino alla scuola di Cellino San Marco, con un dottore che ci faceva a tutti il vaccino del vaiolo, avevo 8 anni. Così ci salvammo dal vaiolo!” ha poi concluso Al Bano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui