Denise Pipitone, nuovi rinvii a giudizio: il motivo della decisione

0

Nuovi rinvii sul caso Denise Pipitone. Per false dichiarazioni sono state rinviate a giudizio l’ex pm Maria Angioni e una turista romana: i dettagli

Denise Pipitone, nuovi rinvii a giudizio
La figlia di Piera Maggio, Denise Pipitone, scomparsa il primo settembre 2004 a Mazara del Vallo (foto © Rai).

Si continua a parlare del caso legato alla scomparsa di Denise Pipitone. Per false dichiarazioni sono state rinviate a giudizio due donne. Parliamo del pm Maria Angioni, il cui processo avrà inizio il prossimo 23 dicembre, e della turista romana che aveva dichiarato di aver visto la piccola Denise lo stesso giorno in cui è scomparsa da Mazara del Vallo (Sicilia). Come avevamo già anticipato, le due donne sono accusate di false dichiarazioni. 

Le indagini sulla scomparsa di Denise sono ripartite a distanza di 17 anni, dopo che una ragazza, con tratti somiglianti alla piccola e a Piera Maggio, ha attirato l’attenzione partecipando ad un programma russo. Inizialmente si pensava che la ragazza in questione, Olesya Rostova, potesse essere Denise Pipitone, ma il gruppo sanguigno ha eliminato ogni sospetto.

TI CONSIGLIO DI LEGGERE ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Denise Pipitone, gli inquirenti nominano un tecnico: svolta nelle indagini?

Nuovi rinvii a giudizio per l’ex pm del caso Pipitone, Maria Angioni e una turista romana: il motivo

Denise Pipitone, nuovi rinvii a giudizio
Maria Angioni, ex pm del caso Denise (Screenshot RaiPlay)

Il pm Maria Angioni, che oggi si occupa di lavoro, si è interessata del caso Denise Pipitone dall’ottobre del 2004 fino al mese di luglio del 2005. A distanza di tutti questi anni la Angioni, nello scorso mese di maggio, è tornata a parlare della piccola Denise rilasciando dichiarazioni molto forti.

L’ex pm ha più volte affermato che “Denise Pipitone è viva e sistemata in qualche famiglia che ha legami con i rapitori”. Secondo la dottoressa Angioni, la figlia di Piera Maggio avrebbe una famiglia ed una bambina. Infine, ha parlato di un patto che ora è saltato: “Qualcuno sa dove è stata portata dopo il rapimento o sa dove si trova in questo momento. Questa persona è stata testimone dello spostamento o lo ha addirittura operato in prima persona. Fino a oggi ha taciuto per rispettare forse un patto ora saltato”. Nei suoi racconti gli attuali pm avrebbero riscontrato inesattezze.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO>>> Gaetano Curreri, il leader degli Stadio ricoverato d’urgenza: le sue condizioni

Quanto alla turista romana, quest’ultima aveva raccontato di aver visto la piccola Denise il giorno in cui è scomparsa. La piccola si trovava all’hotel Ruggero II dove soggiornava. Nella stessa struttura lavorava Anna Corona. L’approfondito lavoro degli inquirenti ha portato alla luce che la turista ha soggiornato assieme al marito a Mazara del Vallo ma il primo settembre del 2004 aveva già fatto rientro a Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui