Cashback, rivoluzione totale per molti italiani ma c’è una scappatoia

0

Cashback, rivoluzione totale per molti italiani ma c’è una scappatoia: è l’ultima chance per rientrare degli investimenti fatti

Molti pensavano che con la fine della raccolta di tutta la documentazione necessaria per i rimborsi la sarabanda del Cashback di Stato e del Super cashback sarebbe terminata. E  invece era solo l’inizio della seconda fase, perché adesso ci sono tantissimi italiani in attesa e una parte di loro rimarrà delusa

Da un paio di settimane infatti è partita la caccia ai furbetti e moltissime transazioni sospette sono state messe sotto la lente d’ingrandimento. Non necessariamente significa che sotto ci siano delle truffe i almeno tentativo di aggirare la legge. Ma certo ci sono anche quelli che se ne sono approfittati come hanno dimostrato i casi limite dei rifornimenti dai benzinai e molto altro.

(Pixabay)

Niente passerà impunito, anche se in realtà l’unico rischio è quello di vedere azzerate in tutto oppure in parte le proprie transazioni. Questo significherebbe perdere una parte del cashback e retrocedere nella classifica del Super cashback.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, arrivano i pagamenti: grande notizia per tutti gli italiani

Cashback, rivoluzione totale per molti italiani: tutte le date calde

Ma tutti quelli che vedranno cancellate alcune operazioni hanno una scappatoia. CDa oggi, 15 luglio, sarà infatti  ci sarà la possibilità di presentare reclamo “per mancata o inesatta contabilizzazione dei rimborsi”.

Basterà andare sul sito di Consap creando un proprio profilo utente, seguendo poi la procedura guidata di registrazione. I reclami potranno essere presentati dal 15 luglio 2021 e fino al 29 agosto 2021  non esiste altro metodo, perché altrimenti sicuramente il ricorso non sarà accolto.

Cashback, mazzata sugli italiani
(Pixabay)

All’invio della domanda dovrete allegare anche un documento d’identità oltre agli scontrini POS delle transazioni oggetto del reclamo. Sarà Consap, la stessa società che si occupa di liquidare i rimborsi, a fornire una risposta motivata entro 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui