Vaccino Covid, Speranza: “Arrivati a 54 milioni di dosi, ma non è finita”

0

Intervenuto all’Ospedale San Leopoldo Mandic di Merate, il ministro della Salute Roberto Speranza ha parlato del vaccino anti Covid e dell’andamento della campagna di somministrazione in Italia

vaccino covid
Vaccino Covid, il punto del ministro della Salute Roberto Speranza (Getty Images)

La campagna vaccinale anti Covid in Italia procede a passo spedito. L’obiettivo è quello di completare il primo giro di somministrazioni il prima possibile e accelerare il completamento dell’intero ciclo. In maniera particolare per anziani e fragili, ma anche per i più giovani. Intervenuto a margine di una visita all’Ospedale San Leopoldo Mandic di Merate, il ministro della Salute Roberto Speranza ha fatto il punto sulla situazione.

Obbligo di vaccinazione a sanitari? Dobbiamo lavorare affinché la norma sia rispettata, il vaccino è la miglior arma contro il Covid. Oggi superiamo le 54 milioni di dosi somministrate, ma la pandemia ancora non è finita” ha spiegato, aggiungendo poi:I numeri ci segnalano che i contagi ci possono essere comunque, soprattutto a causa di varianti come la Delta“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Royal Family, è in auto-isolamento a causa del Covid: fan in apprensione

Vaccino Covid, dall’Israele: “Pfizer efficace al 64% contro variante Delta”

Vaccino Pfizer
Lo studio relativo all’efficacia del vaccino Pfizer contro la variante Delta (Foto: Getty)

Intanto, poco fa il ministero della Salute israeliano ha rilasciato dati preoccupanti sulla protezione del vaccino anti Covid di Pfizer contro la variante Delta. “Brutte notizie in arrivo. L’efficacia di Pfizer scende al 64% dal 94% contro gli altri ceppi. tutto questo ha importanti implicazioni per l’immunità di gregge e la capacità del virus di evolversi ulteriormente” ha riportato lo scienziato Yaniv Erlich su Twitter.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid, il Regno Unito abolisce tutte le restrizioni: l’annuncio di Johnson

Rimane comunque importante la protezione contro i casi gravi e il ricovero. Fra il 2 maggio e il 5 giugno la percentuale è stata del 98,2%, mentre dal 6 giugno al 3 luglio è scesa al 93%. Nella giornata di ieri – fa sapere Adnkronos – c’erano in Israele 35 casi gravi di Covid, contro i 21 del 19 giugno scorso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui