Green Pass, certificati falsi venduti sul dark web: l’operazione della Gdf

0

La Guardia di Finanza ha scoperto un traffico di Green Pass falsi venduti sul dark web. Sgominato anche un mercato nero di vaccini anti-Covid.

Green Pass Covid
Operazione della Guardia di Finanza sul dark web (Foto: Getty Images)

Nella giornata di ieri è entrato ufficialmente in vigore il Green Pass europeo, ossia il certificato verde che permette ai cittadini di viaggiare tra i paesi membri. Allo stesso tempo la Procura di Milano ed i finanzieri del Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche hanno completato un’operazione per stroncare sul nascere il traffico di certificati verdi sul dark web. Ma non solo, nell’operazione le Fiamme Gialle hanno anche sgominato la vendita illecita di alcuni vaccini anti-Covid.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Variante Delta, rischio aumento contagi dopo partita in Italia? L’opinione di Matteo Bassetti a iNews24

A coordinare l’indagine ci ha pensato dal procuratore aggiunto Eugenio Fusco e diretta dai sostituti procuratori Bianca Maria Baj Macario e Maura Ripamonti. Inoltre i Baschi Verdi hanno utilizzato bot e Avatar di ultimissima generazione che hanno permesso di monitorare l’operazione in ‘real time’. Inoltre il nucleo informatico delle Fiamme Gialle è riuscito anche a bloccare e sequestrare 10 canali e account Telegram collegati ad alcuni marketplace del deep web. Entrando in questi siti, infatti, era possibile interfacciarsi con il rivenditore.

Green Pass, operazione della Guardia di Finanza sul deep web: sequestrati siti e canali Telegram

Green Pass
Scoperti dalla Guardia di Finanza canali vendita di vaccini sul deep web (Foto: Facebook)

La nuova operazione della Guardia di Finanza si è focalizzato soprattutto sulla vendita di ‘Green Pass‘ contraffatti, riportanti falsi dati identificativi del vaccinato, il relativo Qr Code ed il numero che contraddistingue il lotto di vaccino utilizzato. Inoltre i criminali che vendevano questi certificati verdi sul dark web, spesso, erano residenti in paesi extra Unione Europea come Stati Uniti, Svizzera e Regno Unito.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Voto comitato direttivo M5s, Trenta (IdV) a iNews24: “Una farsa, chi aveva pensiero indipendente è stato fatto fuori”

Nonostante i prezzi fossero irragionevoli, molti utenti hanno deciso di acquistare il pass contraffatto. Eppure la Guardia di Finanza ha fatto notare anche i rischi elevatissimi per la salute. Ad attrarre migliaia di clienti infatti ci hanno pensato le foto delle fiale di vaccino e dei certificati e dall’opportunità di acquistare pacchetti all inclusive. Il prezzo di questi pacchetti oscillava dai 110 ai 130 euro. Il venditore, inoltre garantiva garanzia di anonimato, tracciabilità della spedizione, imballaggio a temperatura refrigerata ed infine la certificazione di avvenuta vaccinazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui