Covid-19, bollettino 3 luglio: 932 contagiati e 22 decessi

0

Il bollettino della Protezione Civile con i dati aggiornati dei contagi da Covid-19 è rassicurante. Il numero di morti e contagi è in lenta e graduale diminuzione. Preoccupa invece il numero dei vaccini somministrati, al di sotto delle aspettative.

covid-19 bollettino
Il bollettino aggiornato al 2 luglio

Dopo la buona notizia del crollo dei decessi nella regione Lombardia, dove abita un sesto della popolazione italiana, anche il bollettino ufficiale della Protezione Civile del 3 luglio è rassicurante. I dati sembrano finalmente essersi stabilizzati, nonostante la paura per il diffondersi della variante delta, soprattutto adesso che gli stadi stanno riaprendo.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid, Johnson efficace contro la variante Delta: la conferma

NON PERDERTI >>> Tokyo 2020, al Giappone preoccupa il Covid: nuova soluzione per i Giochi

I dati del bollettino sul Covid riportano infatti 932 contagiati da Covid, 22 morti e, soprattutto 3.110 guariti. Se il numero dei decessi è purtroppo stabile ma comunque molto contenuto, le persone che hanno contratto il Covid sembrerebbero essere passate sotto la soglia psicologica dei mille contagi giornalieri.

Covid, il bollettino: negli ospedali la situazione migliora

Covid-19, ecco i dati aggiornati in tempo reale dalla Protezione Civile, da cui si estrare il bollettino giornaliero. Per maggiori informazioni ci si può collegare a salute.gov.it
Covid-19, ecco i dati aggiornati in tempo reale dalla Protezione Civile, da cui si estrare il bollettino giornaliero. Per maggiori informazioni ci si può collegare a salute.gov.it

Anche sul fronte dei ricoveri ci sono buone notizie: ci sono 75 persone in meno in ospedale e 9 pazienti hanno lasciato la terapia intensiva. Anche la campagna vaccinale procede, anche se i numeri non sono quelli sperati dal governo italiano. Si parla infatti di 52.682.992 dosi di vaccino somministrate in totale.

LEGGI ANCHE >>> Covid, l’allarme dell’Oms in Europa: c’è il rischio di una nuova ondata

Tenendo presente che la dose di vaccino è doppia, si parla di una percentuale inferiore al 30% italiani. Fra questi, Il Sole 24 ore riporta di circa 40.000 professionisti del settore sanitario che avrebbero rifiutato il vaccino, con una presenza molto significativa nella regione Emilia Romagna.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui