Serie A, clamoroso dietrofront: ‘No’ agli orari spezzatino

0

La Serie A rinuncia agli orari spezzatino per la prossima stagione. In Lega sono stati discussi anche gli ultimi diritti tv: cosa cambia. 

Serie A
La Lega fa dietrofront sullo ‘spezzatino’ (@Getty Images)

La Serie A ha deciso di dire ‘No‘ agli orari spezzatino. Infatti la decisione è arrivata non tanto per il volere dei tifosi, ma per evitare contenziosi. Viene quindi confermato lo stesso programma della scorsa stagione. e quindi si proseguirà con tre partite al sabato (h15, h18, h20:45), sei la domenica con tre alle ore 15, una alle 12:30, una alle 18 ed il posticipo serale ed infine il monday night con una partita alle 20:45.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Calciomercato Milan, è sfida a Roma e Juventus per il bomber da 150 gol

Durante l’assemblea di Lega, i presidenti di Serie A hanno anche chiesto a Mario Draghi un incontro urgente per l’inizio del campionato. Infatti durante l’ultima stagione si è stimata una perdita di 1,2 miliardi a causa della chiusura degli stadi. Si cercherà di trovare una soluzione soprattutto per quanto riguarda l’apertura al pubblico e con molte probabilità verrà imposto nuovamente il green pass per accedere allo stadio.

Serie A, svolta storica per i diritti tv di Coppa Italia e SuperCoppa: le trasmetterà Mediaset

diritti tv Serie A
Svolta per i diritti TV Serie A (WebSource)

Ma la vera svolta storica dopo l’ultima assemblea di Serie A è il passaggio dei diritti tv di Coppa Italia e Supercoppa Italiana dalla Rai alla Mediaset. La Coppa Italia così torna sulla Fininvest, che fu la prima emittente a trasmettere la competizione nei primi anni 90. Il Biscione è riuscito a strappare le due competizioni alla rete pubblica grazie ad un’offerta da 48,6 milioni. Un aumento notevole se si pensa che nel triennio 2018/21 i diritti sono stati venduti per 35 milioni.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Alex Zanardi, aggiornamento sulle sue condizioni: parla la moglie Daniela

Alla Rai quindi resterà solamente la trasmissione delle partite in diretta radiofonica, aggiudicati per un’offerta da 400mila euro. A far crescere il valore della competizione Nazionale ci ha pensato il nuovo format. Infatti dalla prossima stagione prenderanno parte alla competizione solamente le squadre di Serie A e B, mentre viene fatta quasi completamente fuori la Serie C. Nella giornata di ieri, quindi, è nata la nuova stagione di Serie A, con la Lega che ha dato una svolta significativa anche ai diritti tv di Coppa Italia e Supercoppa Italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui