Variante Delta, Pregliasco: “Noi come il Regno Unito in 2-3 mesi”

0

Intervistato ai microfoni di Radio Cusano Campus, il virologo Fabrizio Pregliasco ha parlato della variante Delta e di quello che potrebbe succedere in Italia

variante delta
Variante Delta, secondo l’esperto Fabrizio Pregliasco la situazione sarà simile a quella del Regno Unito anche in Italia (Getty Images)

La variante Delta del Covid è in rapida espansione. Al momento, il paese maggiormente colpito è senza dubbio il Regno Unito, con una crescita esponenziale dei casi giornalieri. In Italia e nel resto d’Europa stanno iniziando ad essere individuati i primi focolai, ma la situazione rimane sotto controllo.

Intervistato ai microfoni di Radio Cusano Campus, questa mattina il virologo Fabrizio Pregliasco ha parlato del tema e ha fatto una sua previsione su quello che potrebbe succedere in Italia nei prossimi mesi. “Credo che sia una previsione non difficile dire che diventerà dominante. Ciò che si vede nel mondo dimostra che le caratteristiche di maggior contagiosità della variante Delta la rendano dominante sulle altrele sue parole.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Meteo, sarà un’estate da record ma attenzione ai temporali improvvisi

Variante Delta, Pregliasco: “In Uk hanno aperto prima e lasciato occasioni al virus”

Covid pregliasco
Ecco cosa potrebbe succedere nelle prossime settimane (screenshot da Youtube)

Stando alle parole del virologo Fabrizio Pregliasco, nelle prossime settimane dobbiamo preparaci ad un’impennata dei casi per via della variante Delta del Covid.Quello che sta succedendo in Inghilterra lo vedremo fra 2-3 mesi anche noi. Loro hanno aperto prima, ed è per questo che il virus ha avuto più occasioni di infezioni. Hanno avuto 65mila casi in settimana, ma solo con 78 decessi. È una dimostrazione del fatto che le due dosi di vaccino funzionano” ha spiegato l’esperto.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Omicidio Chiara Gualzetti: cosa c’è nelle chat tra lei e il suo assassino

Quest’aspetto ci deve rendere più tranquilli. La malattia è molto rara nei soggetti completamente vaccinati, ed è quindi necessario che a tutti vengano somministrate entrambe le dosi” ha poi concluso Pregliasco ai microfoni di Radio Cusano Campus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui