Emilio Fede svegliato dalla polizia alle 4 di notte: il motivo

0

Il giornalista Emilio Fede ha raccontato cosa gli è successo subito dopo il funerale della moglie, quando la polizia si è nuovamente fatta viva alle quattro di notte. Ecco cosa è successo e cosa ne pensa l’ex direttore del TG4.

Il giornalista Emilio Fede (foto Mediaset).
Il giornalista Emilio Fede (foto Mediaset).

I funerali di Diana De Feo, moglie di Emilio Fede, si sono tenuti nel giorno del compleanno dello storico ex direttore del TG4. Fede è attualmente agli arresti domiciliari, come conseguenza della condanna a 4 anni e 7 mesi di prigione nel caso giudiziario “Ruby Bis” per induzione e favoreggiamento alla prostituzione.

LEGGI ANCHE >>> Emilio Fede distrutto da un grave lutto familiare: “Era la mia vita”

NON PERDERTI >>> Emilio Fede ricoverato al San Raffaele di Milano: il motivo

Per potersi recare a Napoli e seguire la cerimonia funebre ha dunque dovuto chiedere autorizzazione al tribunale di Sorveglianza di Milano. Il 25 giugno, il giorno dopo l’addio alla moglie, ha ricevuto la vista delle forze dell’ordine alle 4 di notte. Durante la vista della polizia, si è accertato che Emilio Fede avesse tutti i permessi necessari per il soggiorno.

Emilio Fede sconvolto: “Ma in che Paese siamo?”

Il giornalista Emilio Fede con la collega Raffaella Zardo alle sfilate di John Richmond. Milano, anno 2010 (foto di Tullio M. Puglia/Getty Images).
Il giornalista Emilio Fede con la collega Raffaella Zardo alle sfilate di John Richmond. Milano, anno 2010 (foto di Tullio M. Puglia/Getty Images).

Un giornale locale di Napoli, Il Roma, ha contattato Emilio Fede, che ha commentato: “Ma in che Paese siamo? È tutto vero, non ho parole“. Secondo la ricostruzione del giornalista, la polizia avrebbe prima cercato di contattarlo tramite la portineria dell’albergo. Siccome erano le 4 di notte e lui dormiva e non rispondeva, hanno cercato la sua assistente.

LEGGI ANCHE >>> Emilio Fede positivo al Covid, è ricoverato in un residence nel napoletano

Emilio Fede, infatti, non è più autonomo ed ha bisogno di una persona che lo segua durante tutta la giornata. C’è stato dunque un meticoloso controllo della documentazione da parte delle forze dell’ordine, che hanno accertato la regolarità della sua posizione. Emilio Fede lamenta che questa è la seconda volta che succede, e sempre alle 4 di notte.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui