Super cashback, il dato è drammatico: migliaia di partecipanti a rischio

Super cashback, il dato è drammatico a meno di una settimana dalla fine delle operazione di raccolta dati: migliaia di partecipanti a rischio

Cashback Governo Draghi
(Screenshot)

Mercoledì 30 giugno alle 23.59: è quella l’ultima data e ora utile per chi partecipa al Cashback di Stato e al Super Cashback. Perché allora scadrà il termine per raccogliere le transazioni utili in modo da entrare nella distribuzione dei rimborsi da parte del governo.

Si annunciano cinque giorni di fuoco e non solo per motivi legati al meteo che sta picchiando duro su tutta l’Italia. Perché se per il Cashback di stato era stato fissato in principio un tetto minimo di 50 transazioni, non così è stato per il Super cashback. Faranno fede tutte le operazioni e saranno dentro solo i primi 100mila in classifica. In caso di parità finale agli ultimo posto, sarà premiato chi ha effettuato la spesa cronologicamente prima.

Già, ma quante operazioni serviranno per pensare o sperare di rientrare tra i rimborsati dal Super cashback? Nei mesi scorsi un calcolo previsionale aveva fissato in 450-500 operazioni al massimo il limite per essere dentro o meno. Ora però gli ultimi dati reali indicano un tetto nettamente più alto e molti stanno tremando.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, arriva il verdetto finale: tutti questi restano fuori

Super cashback, il dato è drammatico: la soglia per partecipare si alza, ma attenzione ai controlli

In base alle ultime classifiche sulla raccolta, infatti, il numero più evidente è quello relativo alle transazioni necessarie per piazzarsi, con l’asticella che sale di giorno in giorno. Un numero che drammaticamente si sta avvicinando a quota 700, anche se per il momento nulla indica che sarà veramente raggiunta. Ma certo, è decisamente più di quello che era previsto anche soltanto un mese fa e quindi chi si è fidato delle proiezini rischia grosso.

cashback
Cashback (Getty Images)

In definitiva la soglia tra amarezza e gioia è molto sottile. Chi avrà diritto al rimborso può sperare di arrivare fino a 1.650 euro (cioè i 1.500 del Super cashback e i 150 che sono il tetto massimo per il Cashback di Stato) e gli altri dovranno rinunciare, almeno per questa prima tranche.

Ma il colpo di scena è dietro l’angolo, perché dal 1° luglio scatteranno i controlli e saranno inflessibili. Quindi se alcuni i molti di quelli attualmente nei primi 100mila dovessero essere squalificati, allora la soglia per entrare diventerebbe più bassa.