Emilio Fede distrutto da un grave lutto familiare: “Era la mia vita”

0

Il giornalista Emilio Fede è stato colpito da un grave lutto familiare alla vigilia dei suoi 90 anni, che compirà il 24 giugno. Ecco le sue prime parole subito dopo l’evento ed i dettagli di quanto successo.

Emilio Fede e la moglie e senatrice Diana De Feo (foto Instagram).
Emilio Fede e la moglie e senatrice Diana De Feo (foto Instagram).

Il 23 giugno Emilio Fede ha avuto il colpo più duro che può capitare ad un uomo nella vita. L’ex popolare direttore del TG4 ha visto la moglie morire alla viglia del suo compleanno. Il 24 giugno, infatti, compirà 90 anni, giornata in cui ha deciso anche di celebrare i funerali della moglie.

LEGGI ANCHE >>> Emilio Fede ricoverato al San Raffaele di Milano: il motivo

NON PERDERTI >>> Emilio Fede, arrestato: “Il giudice di Napoli è incompetente”

Contattato da Italpress, Fede non ha nascosto il suo dolore: “Era la mia vita“. Poche parole in cui sono condensati 56 anni di vita e di matrimonio, da cui sono anche nate due figlie. La coppia si era conosciuta quando entrambi lavoravano come giornalisti in Rai, lei sulla sede di Roma e lui dislocato a Torino.

Emilio Fede: la moglie Diana De Feo era senatrice

Emilio Fede e la moglie e senatrice Diana De Feo (foto Instagram).
Emilio Fede e la moglie e senatrice Diana De Feo (foto Instagram).

Diana De Feo ha fatto il suo esordio in politica nel 2008, quando Silvio Berlusconi le chiese di “scendere in campo“. Diventò dunque senatrice della repubblica. Quando il marito fu condannato nel caso Ruby-bis, lei sembrò comprensiva: “I processi non li ho vissuti con difficoltà, so che è tutto falso, lo so proprio. Io sono per la famiglia, è sacra“.

LEGGI ANCHE >>> Emilio Fede positivo al Covid, è ricoverato in un residence nel napoletano

Quando però aveva iniziato a leggere sui giornali che il marito era indagato per il reato di induzione alla prostituzione, la sua reazione fu diversa. Decise infatti di fare causa contro Fede per “lesione d’immagine“. Il motivo lo spiegò lei stessa al settimanale A: “Il mio nome è associato alla cultura, non voglio che venga appannato“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui