Dramma Eriksen, operazione ok: ma adesso l’Inter che fa?

Dramma Eriksen, operazione ok e defibrillatore montato in attesa di nuovi esami: ma adesso l’Inter cosa può fare con il giocatore?

(Getty Images)

Il primo passo verso la normalità è stato fatto. Ieri sera Christian Eriksen è stato operato per l’inserimento di un defibrillatore cardiaco che controllerà la sua aritmia, un intervento necessario per ritrovare un ritmo corretto e che anche il giocatore danese ha approvato.

Il problema ora è capire se sarà solo una soluzione temporanea oppure permanente perché da questo dipende anche il suo futuro nel calcio e quindi anche nell’Inter. Intanto oggi Eriksen lascerà l’ospedale di Copenaghen, nel quale è ricoverato da sabato scorso, e si riposerà nella sua casa danese in attesa di capire quali saranno i passi successivi.

Se dovesse essere confermata la diagnosi di miocardite, non basterà una cura farmacologica. Ma ulteriori risposte arriveranno tra un mese, quando Eriksen sarà sottoposto a nuovi esami, questa volta a Milano. Serviranno a determinare se il rischio di aritmia è correggibile e in quale modo. Se il problema fosse temporaneo, il defibrillatore sarà tolto ma ottenere l’idoneità non si annuncia facile.

(Getty Images)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Eriksen potrà giocare ancora a calcio? La risposta del medico Castellacci

Dramma Eriksen, operazione ok: l’Inter aspetta l’esito dei nuovi esami ma intanto si muove sul mercato

Qui entra in campo l’Inter che è comunque coperta dalle assicurazioni, quelle personalmente sottoscritte con il calciatore e quelle che le Nazionali stipulano con Uefa e Fifa. Se Eriksen tornerà a giocare, tutto il periodo di indisponibilità sarà coperto dall’assicurazione. Dovesse invece smettere, in base all’accordo collettivo stipulato tra Associalciatori e Federazione, il club potrebbe anche richiedere la risoluzione del contratto.

Sullo sfondo rimane il fatto che in Italia in base al protocollo del Cocis (Comitato organizzativo cardiologico per l’idoneità sportiva) fermo al 2017 le regole sono chiare. Infatti è vietato praticare un qualsiasi sport di contatto (calcio compreso) con un defibrillatore che muove il cuore.

(Getty Images)

Cosa faranno quindi i nerazzurri sul mercato? La degenza di Eriksen potrebbe essere lunga e quindi la società si cautela. Sensi e Vecino rimangono bloccati a Milano, ma arriverà almeno un giocatore nuovo in quel ruolo. Il nome giusto potrebbe essere quello di Miralem Pjanic, pronto per tornare in Italia riducendosi anche l’i gaggio.