La Pietra (FDI) a iNews24: “Gli elettori decideranno il leader del centrodestra, ora l’obiettivo è superare il centrosinistra”

Il senatore di Fratelli d’Italia, Patrizio La Pietra, non nasconde una certa soddisfazione per i sondaggi che confermano la crescita del partito di Giorgia Meloni: “Frutto di un impegno che stiamo portando avanti da tempo, lavorando in modo patriottico nell’interesse del Paese”. Nessuna apertura invece, da parte dell’esponente di FDI, nei confronti della proposta avanzata da Tajani di creare un partito unico del centrodestra: “Annacquare le differenze tra i partiti della coalizione sarebbe un grave errore “

0
Patrizio La Pietra
Patrizio La Pietra (@Facebook)

Senatore, in questi giorni i sondaggi variano di pochi decimali nell’indicare quale partito occupi realmente il gradino più alto del podio (Ipsos da il Pd a 20,8%, mentre Swg conferma la Lega a 20,5%- ndr); l’unico dato che invece non cambia, nemmeno a seconda dell’istituto di rilevamento, è la crescita contante di FDI, siete soddisfatti?

“Massima soddisfazione. Questo è certamente un risultato dovuto al lavoro che Giorgia Meloni in primis, cosi come tutto il partito sta portando avanti da tempo, entrando sempre nel merito delle questioni, non facendo propaganda elettorale, ma andando sempre a toccare quella che è “la ciccia” delle situazioni reali e dei problemi del Paese. Lo facciamo presentando delle proposte responsabili e lavorando in maniera patriottica all’interno delle istituzioni, votando tutto ciò che riteniamo favorevole all’interesse degli italiani e opponendoci a ciò che invece non riteniamo sia utile. Ebbene, è proprio questo atteggiamento che gli elettori stanno premiando”

Gli elettori vi stanno premiando, però a discapito della Lega; un fatto che sta facendo innervosire qualcuno dalle parti di via Bellerio…

“Io personalmente non lo vedo come un problema, anche perché il nostro antagonista non è mai stata la Lega di Salvini, ma il centrosinistra. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di superare Pd e Movimento cinque stelle, e finalmente possiamo dire che ci stiamo riuscendo. Stiamo facendo semplicemente ciò che gli elettori si aspettano da noi, ma posso garantire che da parte nostra nei confronti della Lega non c’è alcuna rincorsa”

I rapporti nel centrodestra, tra federazione e partito unico

Salvini Meloni Roma
Salvini, Meloni e Tajani (Getty Images)

Il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, ha provato in un certo senso a scavalcare Salvini, proponendo non più una federazione come aveva ipotizzato il leader del Carroccio, ma addirittura un partito unico del centrodestra. Un’idea che dalle parti di FDI avete rispedito al mittente senza troppi indugi.

“Si tratta di una proposta che non ci scalda per niente e non ci interessa. Siamo fermamente convinti che le differenze che ci sono tra i partiti di centrodestra siano in realtà un valore aggiunto per l’intera coalizione, motivo per cui l’idea di annacquarle in una federazione o in un partito unico sarebbe un grave errore. Stiamo già dimostrando in molte città, province e regioni di saper governare bene insieme, ognuno con le proprie specificità e sensibilità”

Ma se questo esecutivo dovesse durare fino a fine legislatura, non temete che anche il vostro rapporto con il cosiddetto ‘centrodestra di governo’ possa subire qualche contraccolpo?

“Sinceramente non lo credo possibile, perché è tutto il centrodestra ad essere proiettato nel cercare di tutelare prima di tutto l’interesse degli italiani. D’altronde non è mica la prima volta che il centrodestra si ritrova ad assumere delle posizioni differenti rispetto al governo nazionale, anche se poi come dicevo prima, sui territori governiamo insieme”

Questo è vero, però è la prima volta che due leader della stessa coalizione hanno praticamente lo stesso indice di gradimento nei sondaggi. È sicuro che nemmeno questo dualismo potrà complicare i rapporti tra Giorgia Meloni e Matteo Salvini?

“Io credo che quando si cresce, lo si fa tutti insieme. Quello che però deve essere chiaro è che FDI non sta facendo nessuna competizione con la Lega, e lo stesso vale per Giorgia Meloni nei confronti di Salvini. Per noi quello che conta è esclusivamente il parere degli elettori e saranno loro a decidere quale sarà il leader che assumerà la guida del centrodestra. Il nostro obiettivo fino ad allora, è, e resta, quello di battere il centrosinistra e di restituire finalmente una vera speranza a questo Paese”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui