Cashback, volata finale: rischio drammatico per tutti gli italiani

0

Cashback, volata finale: ancora poco più di due settimane per chiudere i conti, ma c’è chi sta vivendo questa situazione come un incubo

Partito in sordina, con la prima prova generale sotto le festa di Natale quando l’Italia stava vivendo problemi molto maggiori, il Cashback di Stato poco alla volta si è fatto strada. Sia quello che il Supercashback negli ultimi mesi sono diventato per qualcuno un’occupazione ma per altri una vera ossessione.

Cashback
(Pixabay)

E ora che ci stiamo avvicinando alla fine dei conti, che per tutti arriverà al 30 giugno almeno per questa prima tranche di raccolta, sale la fibrillazione di chi sente di essere indietro. Il Cashback rifonderà una parte delle transazioni, fino ad un massimo di 150 euro. Ma il Supercashback darà in una volta sola 1500 euro a tutti quelli che rientrano nei primo 100mila della classifica.

Cs’ quello che doveva diventare un modo per incentivare gli italiani alle spese tracciabile, rischia di diventare una mania o peggio una dipendenza. Ma davvero possiamo parlare di ludopatia di Stato, spese che per alcuni soggetti sono diventate talmente un’ossessione da non farli ragionare e mettere a rischio la loro salute mentale?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback e Super Cashback, pagamenti contestati? Vi sveliamo la soluzione

Cashback, volata finale: quando la corsa alla spesa diventa un’ossessione

Il quadro della situazione in certi casi è sconfortante. Come capita per le slot machines e gli altri giochi d’azzardo, anche le transazioni per Cashback di Stato e Super Cashback rischiano di sfociare in ossessione. E lo dimostrano alcune testimonianze raccolte dal portale ‘Open’ che denuncia la situazione.

Sui social in questi mesi sono nati gruppi ad hoc che scambiano consigli ed esperienze. Ma spuntano anche racconti quasi surreali. C’è chi invece di fare la spesa in un solo punto vendita ne gira 16 in un giorno comprando qualcosa qui e qualcosa là solo per avere un numero maggiore di operazioni. Marco racconta che quando deve viaggiare in autostrada esce da ogni casello e rientra, staccando il Telepass, solo per mettere in coto più operazioni.

(Pexels)

Così, per avere 1500 euro in più sul conto (ma coprono un lasso di tempo pari a sei mesi) alcune persone stanno spendendo denaro e tempo in maniera compulsiva. Una malattia vera? Presto per dirlo, ma di fronte a certe esagerazioni anche il governo dovrà adottare misure correttive.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui