Scandalo tangente a Torre Annunziata, il sindaco a iNews24: “Non mi dimetto”

“Ho intenzione di andare avanti. Il fatto che Luigi Ammendola sia stato arrestato con una misura cautelare, non può influire sulla mia decisione di dimettermi o meno”. A parlare ai microfoni di iNews24 è Vincenzo Ascione, sindaco di Torre Annunziata, in seguito alle dimissioni dell'ex vicesindaco Lorenzo Diana.

0

Ho intenzione di andare avanti. Il fatto che Luigi Ammendola sia stato arrestato con una misura cautelare, non può influire sulla mia decisione di dimettermi o meno”. A parlare ai microfoni di iNews24 è Vincenzo Ascione, sindaco di Torre Annunziata, in seguito alle dimissioni dell’ex vicesindaco Lorenzo Diana. Quest’ultimo ha deciso lasciare la carica qualche giorno dopo l’arresto di Luigi Ammendola, maresciallo della guardia di finanza che ricopriva il ruolo di vicesindaco prima che Ascione azzerasse la giunta in seguito allo scandalo tangenti che ha visto coinvolto il capo dell’Ufficio Tecnico Nunzio Ariano.

LEGGI ANCHE: Meteo, temporali e piogge forti nei prossimi giorni: le regioni a rischio

Il Comune ha deciso di costituirsi parte civile nel caso si instaurasse un procedimento penale nei confronti di Ammendola…
Ci costituiremo parte civile nei confronti di Luigi Ammendola e di chiunque altro. Quella di preservare il Comune da tutti i fenomeni corruttivi è una linea marcata che seguiremo sempre con chiunque dovesse macchiarsi. Si tratta della nostra azione amministrativa, ma io mi auguro che nessuno della parte politica possa mai essere coinvolto in azioni illecite”;

Qual è la sua posizione in merito alla vicenda delle tangenti che vedrebbe coinvolto l’ex vicesindaco Ammendola?
La magistratura ha fatto un atto forte. Posso fare una considerazione politica. Dopo l’arresto dell’ingegnere Ariano, ho rinnovato la giunta mettendo in campo assessori lontani dall’ambiente locale, proprio perché in un momento così delicato, come amministrazione politica dovevamo essere completamente distaccati dalle attività gestionali implicate in questa vicenda. Ritengo che il lavoro iniziato con questa giunta sia importante. Purtroppo il Covid non ci ha aiutati perché tra gennaio e febbraio Torre Annunziata è stata fortemente colpita dalla pandemia. Lorenzo Diana, nel ruolo di vicesindaco, mi ha sostituito in parecchie occasioni quando ho avuto il Covid, e quando sono stato in quarantena. Abbiamo redatto un piano anticorruzione restrittivo, anche a scapito della velocità dell’azione amministrativa”;

Vincenzo Ascione - Foto Facebook
Vincenzo Ascione – Foto Facebook

Cosa succederà ora, potrebbe pensare di dimettersi?
Ho intenzione di andare avanti. Il fatto che Luigi Ammendola sia stato arrestato con una misura cautelare, non può influire sulla mia decisione di andare avanti o meno. Io credo che la magistratura debba fare il suo corso e certamente io non sarò di ostacolo in questo. Ma in questo momento, lasciare il Comune senza guida in una fase così delicata e con così poco personale, sarebbe come abbandonare una nave che sta per affrontare e da capitano, non posso farlo. Se a settembre – ottobre le cose dovessero sistemarsi, vedremo”;

Il Pd metropolitano ha chiesto la Commissione d’accesso a Torre Annunziata…
Il Pd non ha intrapreso iniziative contro di me. Il partito ha voluto intendere che, anche a mia tutela, è corretto fare la massima chiarezza possibile su tutti gli atti. Tra l’altro è una cosa che anche io ho chiesto di fare ai miei uffici a valle dell’arresto dell’ingegnere Nunzio Ariano. Quindi tutte le gare sospese, lo sono anche per questo motivo. Cioè per essere sicuri che quando le chiuderemo, l’avremo fatto nel modo più corretto e giusto possibile. Anche se la politica non c’entra con le attività gestionali, ho dato disposizione di fare il lavoro nella maniera più meticolosa possibile, affinché queste gare vengano definite. L’importante però è decidere, perché non mi piace galleggiare”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Federazione centrodestra, Ruggieri (Forza Italia) a iNews24: “Proposta interessante, ma presentata in modo superficiale”

Come ha preso le dimissioni di Diana?
Molto male. Però al tempo stesso comprendo il suo disagio. Ha dovuto affrontare una situazione che purtroppo recentemente lo ha visto coinvolto in prima persona in una vicenda giudiziaria. E in questi casi purtroppo, pur nella convinzione dell’innocenza assoluta, c’è sempre il rischio che possa capitare l’errore giudiziario. Questo è un rischio che sicuramente lui non voleva più correre ed è comprensibile da questo punto di vista. Ma tutto il resto non l’ho compreso”;

Lorenzo Diana - Foto Facebook
Lorenzo Diana – Foto Facebook

Cosa, in particolare?
L’analisi fatta sulla nostra città. Dice che c’è stato un primo contrasto alla criminalità organizzata qualche anno fa, ma che poi ci siamo bloccati. Io credo invece che siamo andati avanti perché in questi anni abbiamo recuperato un rapporto con la famiglia Siani, abbiamo cercato di far passare il messaggio che l’amministrazione comunale fosse impegnata costantemente contro la camorra, che sappiamo bene che esiste ancora ma che è assolutamente lontana dalla pubblica amministrazione. Abbiamo conferito la cittadinanza onoraria post mortem a Giancarlo Siani, installato la panchina per la libertà di stampa a Villa Parnaso. Su quella panchina, il direttore del quotidiano Il Mattino Federico Monga, ha intervistato il capo della Procura nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho ed è stata una bellissima giornata. Poi però è arrivato il Covid che ci ha impedito di continuare con tutti gli sforzi che abbiamo messo in campo per rilanciare l’immagine della città e risolvere le criticità. Perché se da un lato è chiaro che serve un’attività di contrasto, dall’altro bisogna affiancare iniziative socio-economiche che consentano ai cittadini di avere opportunità di lavoro. Sono in corso importanti iniziative imprenditoriali per rilanciare il nostro territorio e speriamo di dare una risposta ai bisogno essenziali, che sono lavoro e dignità”;

LEGGI ANCHE: Francia: Presidente Macron contestato, prende uno schiaffo – VIDEO

Di quali iniziative imprenditoriali parla?
“Del grande centro commerciale che si sta edificando in via Plinio. Inoltre tra poco dovremmo rilasciare la concessione edilizia anche al Polo Florovivaistico e altre opere che si stanno completando in città, che daranno la possibilità a qualche piccola attività imprenditoriale, di insediarsi. Parlo anche delle aziende nautiche che stanno cominciando di nuovo a risplendere. Insomma, settori produttivi che potranno dare una speranza a tante opportunità di lavoro ai nostri cittadini”;

Nunzio Ariano - Foto Facebook
Nunzio Ariano – Foto Facebook

Prima dell’arresto di Nunzio Ariano, ex dirigente dell’Ufficio Tecnico, intercettato mentre intascava una tangente nell’ambito dei lavori per l’adeguamento delle scuole alla normativa di prevenzione anti-Covid, lei non mai pensato che qualcosa al Comune non stesse funzionando?
Dire che non l’ho mai pensato sarebbe esagerato. C’erano delle voci e ho sempre detto ai consiglieri di riferirmele in maniera puntuale, laddove ci fossero state notizie certe. Al Comune sono arrivate tantissime lettere anonime e molte sono state depositate alla segreteria della Procura della Repubblica. In questi anni ho sempre comunicato tutto quello che poteva essere. Ma le voci sono voci ed è complicato basare l’azione amministrativa su queste ultime. Che non mi sono mai arrivate precise nei contenuti e nei nomi”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Ponticelli ricorda Ciro Colonna, vittima innocente di camorra: “Qui si spara di nuovo, uno schiaffo alla sua memoria”

Come andrete avanti da adesso in poi?
Stiamo portando avanti tutte le cose impostate da Lorenzo Diana e credo che la magistratura debba fare il suo corso. Noi dobbiamo solamente agevolare qualsiasi percorso quest’ultima intenda attivare per poter arrivare alla verità. Mi rendo conto che l’arresto di una persona è sempre un momento molto forte, ma è consentito nella fase delle indagini. Spero che la verità sia l’unica cosa che prevarrà sempre”;

Con Lorenzo Diana avete approvato un piano anticorruzione…
Sono norme che abbiamo accettato per dare un segnale forte, anche se rallentano l’azione amministrativa. In questa fase, piuttosto che puntare sulla velocità che oggi è necessaria nelle pubbliche amministrazioni, abbiamo deciso di applicare norme al di là di quelle nazionali che regolano gli appalti e le procedure amministrative, proprio perché è successo questo fenomeno corruttivo. L’abbiamo fatto tutti insieme, anche se non sono innovative. In tutta Italia si sta ragionando per velocizzare, non per ritardare. Lo ritengo però utile in questa fase, perché tutti gli uffici devono fare maggiore attenzione alle procedure, per arrivare con la massima trasparenza possibile agli incarichi e agli affidamenti. La vera cosa innovativa che abbiamo fatto è un’altra”;

Luigi Ammendola - Foto Instagram
Luigi Ammendola – Foto Instagram

Quale?
Il contatto assunto nelle ultime ore con la Prefettura di Napoli e il Provveditorato Opere Pubbliche per affidare loro tutte le gare sopra soglia. Non solo le gare, ma anche la preparazione di quelle che superano le soglie comunitarie. Da questo punto di vista supereremo anche tutti i problemi che purtroppo ci sono stati al Comune di Torre Annunziata”;

Ma in che condizioni è in questo momento il Comune?
I problemi principali sono nella mancanza di personale. Il Comune in questo momento è nella situazione più drammatica degli ultimi anni. Il personale è andato in pensione e purtroppo non siamo riusciti ancora a fare le assunzioni per una serie di motivi, tra cui anche il Covid. Anche il Piano del Lavoro della Regione Campania è riferito al 2019. Quindi si sperava, nel 2020, di assumere, ma abbiamo più di un anno di ritardo. Poi attendiamo altri concorsi per almeno 9 dipendenti: 3 dirigenti, 3 funzionari e 3 impiegati, che avremmo dovuto assumere con un concorso bandito nel 2020. Speriamo, anche con le norme semplificate del ministro Brunetta, di riuscire a chiudere con queste assunzioni”;

LEGGI ANCHE: Covid-19, bollettino 8 giugno: 1.896 contagi e 102 morti

Cosa dice dell’Ufficio Tecnico?
Stiamo applicando la rotazione degli incarichi per evitare che ci possano essere stratificazioni di clientele. Purtroppo, il dirigente che abbiamo individuato è ancora interno perché stiamo facendo un concorso. Speriamo, con le nuove norme sulla semplificazione anche di questi ultimi, di averne un altro in pochi mesi”;

E i vigili urbani?
Stiamo procedendo su due fronti. Da una parte, abbiamo aderito al Piano del Lavoro della Regione Campania nel 2019, che ha visto svolgersi tirocini formativi al Comune. I 12 assunti stanno aspettando di fare l’ultima prova scritta. Poi abbiamo un residuo del 2020 di 3 vigili, da assumere attraverso le graduatorie di idonei di concorso degli altri Comuni. Proveremo a fare anche queste assunzioni. In questo momento i vigili sono pochi e diventa complicato e difficile contrastare tutte le azioni, anche di piccola illegalità che cerchiamo di contrastare”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Boscoreale, inaugurato il Museo del Parco Nazionale del Vesuvio, De Luca: “Altrove avrebbero costruito qualcosa di inimmaginabile con le nostre bellezze”

E dei beni confiscati, in particolare della lettera risalente al 2016, nella quale il Comune sarebbe stato invitato ad effettuare sopralluoghi che non sarebbero mai stati completati?
In questo momento abbiamo una sola funzionaria che oltre che occuparsi dei beni confiscati, si occupa anche di tutto il patrimonio del Comune di Torre Annunziata. Quindi anche della gestione di 400 alloggi e di un progetto di ristrutturazione del quartiere Penniniello che prevede lo spostamento degli inquilini per ristrutturare le palazzine. Una procedura delicata e complessa che significa grande impegno dal punto di vista fisico e personale. Credo però, che la gestione dei beni confiscati finora, seguita anche dall’assessore Emanuela Cirillo, sia stata puntuale. Domani mattina andrò ad approfondire ai Beni confiscati la questione di questa lettera del 2016 che Diana ha trovato e ancora non è stata evasa. Credo che ci sia stato un equivoco rispetto alle attività che dovevamo mettere in essere”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui