Cashback, c’è il rimedio vincente: le mosse per superare i controlli

0

Cashback, c’è il rimedio vincente per tutti i cittadini che hanno deciso di partecipare: le mosse per superare i controlli sulle spese

cashback
(Pixabay)

Una lunga volata da qui al 30 giugno per tutti quelli che stanno partecipando al Cashback di Stato e al Super cashback. E come spesso succede nel nostro Paese, quasi tutti sono ligio alle regole, ma c’è sempre chi cerca di approfittarne o di trovare scappatoie per arrivare prima.

Ecco perché negli ultimi giorni ad alcuni dei partecipanti è arrivato un messaggio di questo tipo: “Stiamo effettuando delle verifiche su alcune transazioni anomale, ricorrenti di importo irrisorio, effettuate in numero elevato presso lo stesso esercente, lo stesso giorno e che, pertanto, appaiono non qualificabili come ‘acquisti’ di beni o servizi ai sensi del programma”

Una comunicazione tramite l’app IO, quella destinata alla registrazione per il Cashback di Stato e che riporta conteggio delle transazioni, l’importo del rimborso oltre che la posizione in classifica del Super cashback. Cosa significa in concreto? Che lo Stato vuole vederci chiaro ed essere trasparente fino in fondo e per questo alcune spese sospette sono state segnalate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, arriva la bocciatura decisiva: ora gli utenti tremano

Cashback, c’è il rimedio vincente: modulo e tempistiche per l’eventuale ricorso

Qualcuno di quelli che hanno ricevuto il messaggio di verifica non ci ha nemmeno fatto caso. Ma qualcuno altro è andato nel panico, perché il rischio è quello di versi annullate le operazioni sospette: “Queste transazioni, se legate a condotte abusive, non darebbero diritto ad alcun tipo di rimborso. Per questo abbiamo provveduto a stornare le operazioni sospette”.

Cashback
(Pixabay)

E allora che fare? C’è solo una soluzione, assolutamente legale, per uscire dall’impasse e cercare di recuperare quello che è stato cancellato. Gli utenti infatti potranno presentare reclamo se ritengono di essere stati penalizzati ingiustamente per la cancellazione di alcune delle loro transazioni.

“Se l’utente pensa che si tratti di un errore e le tue transazioni sono in regola, ha 7 giorni di tempo dalla data di invio del messaggio per provare la legittimità delle stesse”. Quindi sarà sufficiente compilare il modulo allegato al messaggio e inoltrarlo secondo la procedura illustrata, rispettando i tempi. Altrimenti, le transazioni sospette saranno cancellate per sempre e la classifica del Super cashback subirà le conseguenze.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui