Covid, Sileri: “Le cose vanno bene, non preoccupiamoci delle varianti”

0

Intervenuto a Domenica In, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha dato un aggiornamento sulla situazione Covid in Italia

covid sileri
Covid, parla il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri (Facebook)

L’Italia sta gradualmente procedendo con le tanto attese riaperture, rese possibili da un’importante accelerazione della campagna vaccinale e dal conseguente trend negativo nel numero dei contagi . Intervenuto a Domenica In su Rai 1, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha fornito un rapido aggiornamento sullo stato attuale dell’emergenza nel nostro Paese.

Le cose stanno andando bene e non dobbiamo continuare a preoccuparci delle varianti. Rimane comunque necessario rispettare le regole, e tutti quanti dobbiamo sapere che luglio sarà il mese della svolta completa e assoluta” ha spiegato, aggiungendo poi:Lasciate preoccupare lo Stato delle varianti. Stiamo monitorando la situazione, stiamo controllando e le cose vanno bene“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ibiza, sparatoria in una villa: si è consegnato l’italiano ricercato

Covid, Sileri: “La popolazione deve sentirsi protetta”

Covid, Sileri: i dati non consentono di abolire il coprifuoco
Risultati sempre più soddisfacenti grazie alla campagna vaccinale (Facebook)

Il mese di luglio sarà quello della svolta decisiva: lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, intervenuto ai microfoni di Domenica In su Rai 1. “La popolazione deve potersi sentire libera e protetta grazie alla vaccinazione e grazie a ciò che noi stiamo facendo. Dobbiamo lasciarci alle spalle il terrore che abbiamo vissuto lo scorso anno e ricominciare a vivere nel pieno rispetto delle regole” ha sottolineato l’esperto.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Denise Pipitone, clamorosi sviluppi: Piera Maggio nega parzialmente

Questo significa fondamentalmente che dobbiamo evitare gli assembramenti, indossare la mascherina e rispettare il distanziamento. Così ne usciremo a breve e in maniera definitiva” ha poi concluso Sileri. Intanto, l’Iss ha dichiarato che i vaccini anti Covid attualmente in uso riescono a prevenire contagi, ricoveri e decessi anche oltre i 130 giorni. Lo studio si basa su 14 milioni di persone che hanno ricevuto almeno una somministrazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui