Royal Family, rivelazione di Meghan Markle: “Sono stati anni tremendi”

0

Meghan Markle, duchessa di Sussex ha rilasciato alcune dichiarazioni dove ha parlato del suo passato e dei problemi adolescenziali.

Meghan Markle
Royal Family, Meghan (Foto: Getty)

L’adolescenza può essere uno dei periodi più belli da ricordare ma al tempo stesso anche un lasso di tempo caratterizzato da brutte esperienze e incontri poco piacevoli. L’allusione fa riferimento al bullismo e i problemi di obesità e anoressia. Sono tanti i ragazzi che non si accettano perché criticati dai coetanei e tra questi possiamo aggiungere, come rivelato dal The Sun, anche Meghan Markle, moglie del principe Harry e duchessa di Sussex.

In passato Meghan ha manifestato le sue insicurezze parlando anche del difficile rapporto con il suo peso e il cibo nel periodo adolescenziale definendolo come “tremendamente difficile”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Savoia, è morto il principe Amedeo Duca d’Aosta: era ricoverato in ospedale

Royal Family, rivelazione di Meghan Markle: “Sono stati anni tremendi”

Meghan Markle
Meghan Markle,  (Foto: Getty)

Il The Sun scrive che Meghan Markle ha giudicato costantemente il suo peso durante l’adolescenza fino all’età di 20 anni. Ha fatto fatica ad adattarsi al suo corpo fino a pochi anni prima dell’incontro con il principe Harry. Il periodo più brutto, dunque, è stata l’adolescenza: “I 20 anni sono stati un periodo tremendo. Mi giudicavano sul mio peso costantemente”, rivelò tempo fa Meghan Markle.

“Ci vuole tempo per essere felice. I miei 20 anni erano tremendi: una battaglia costante con me stessa, a giudicare il mio peso, il mio stile, il mio desiderio di essere alla moda e dire sempre cose intelligenti”.

Un giorno però, come nelle favole, arrivò la svolta e sul suo blog la moglie di Harry scrisse: “Avevo circa 24 anni e un direttore del casting mi ha guardata durante un’audizione e mi ha detto: “Devi capire che sei abbastanza anche con meno trucco e più Meghan”. Un mantra che ora è così profondamente dentro di me che non passa giorno senza sentirlo risuonare nella mia testa”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui