Cashback, è arrivato l’annuncio ufficiale: maxi stangata in arrivo

0

Torniamo a parlare di Cashback e di misure in arrivo nelle prossime settimane. Ecco cosa sta succedendo in queste ore

Cashback
Cashback, ecco cosa succederà già a partire dai prossimi giorni (@Pixabay)

Manca ormai poco meno di un mese alla conclusione della prima fase del piano Cashback. Il futuro dell’iniziativa è ancora in bilico, e si stanno cercando già da ora di mettere nero su bianco alcune misure aggiuntive e regole per rendere il tutto più trasparente.

Si è parlato a più riprese dei famigerati furbetti, ossia cittadini che hanno messo in atto azioni sempre più complicate per aumentare il numero di transazioni registrare e scalare la graduatoria per l’ottenimento dei 1.500 euro extra. Nelle ultime ore, molti utenti stanno iniziando a ricevere un messaggio che annuncia la prima contromossa ufficiale: si tratta di una maxi stangata! Ecco cosa sta succedendo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, sta succedendo a molti utenti: scatta l’allarme 

Cashback, sono partiti i controlli sulle micro transazioni

cashback
Sono ufficialmente iniziati i controlli sulle micro transazioni (Foto Pixabay)

Una pessima notizia per tutti coloro che – nel corso degli ultimi mesi – hanno messo in atto tecniche poco consone e trasparenti per scalare la classifica del Cashback: sono iniziati i controlli sulle micro transazioni. Nello specifico, alcuni utenti hanno iniziato a ricevere un messaggio che parla del controllo di “transazioni anomale” registrate dal programma. “Stiamo effettuando delle verifiche, ricorrenti di importo irrisorio, effettuate in numero elevato presso lo stesso esercente e lo stesso giorno. Queste non appaiono qualificabili come ‘acquisti’ di beni o servizi ai sensi del programma” si legge nell’avviso.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Cashback, la stangata per i furbetti può essere doppia

Queste operazioni non danno diritto ad alcun tipo di rimborso. Abbiamo quindi provveduto a stanarle dal sistema: puoi visualizzarle con il senso ‘-‘ nel dettaglio della tua card” conclude poi il messaggio. Per dimostrare la buona fede delle transazioni contestate, agli utenti vengono dati sette giorni a partire dalla ricezione dell’avviso. Una vera e propria stangata per tutti i furbetti del Cashback.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui