Mottarone, il piccolo Eitan ha riaperto gli occhi: “È stato estubato”

0

Eitan ha riaperto gli occhi. Il bimbo di 5 anni è l’unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone: gli aggiornamenti sulle condizioni

mottarone eitan
Incidente Mottarone, il piccolo Eitan ha riaperto gli occhi per un momento (screenshot Twitter)

Il risveglio sta proseguendo e da poco è stato estubato” ha spiegato Giovanni Valle, direttore generale della Città della Salute di Torino. Il piccolo Eitan ha riaperto gli occhi e ripreso conoscenza per un momento. Il bimbo di 5 anni è l’unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, ma le sue condizioni sono ancora gravi. 

Al suo fianco c’era la zia Aya, insieme agli anestesisti e agli psicologi dell’ospedale infantile Margherita di Torino. “E una fase molto delicata. La notte è passata tranquilla e conferma la stabilità clinica di Eitan, nonostante le condizioni siano ancora critiche” ha spiegato il direttore del reparto rianimazione Giorgio Ivani: “ll fatto che siamo comunque riusciti a estubarlo è molto positivo“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Addio Tarcisio Burgnich, dalla Grande Inter alla profezia di Padre Pio: il ricordo

Mottarone, le ultime sulle condizioni del piccolo Eitan

Mottarone
Ecco tutti gli aggiornamenti sulle sue condizioni (Foto: Getty)

Al momento Eitan si trova ricoverato nel reparto rianimazione diretto dal dottor Giorgio Ivani. Ieri l’unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone è stato sottoposto alla risonanza magnetica, che non ha evidenziato danni neurologici né a livello cerebrale né a livello del tronco encefalico. La prognosi rimane riservata ma, dopo l’estubazione, inizia a filtrare un cauto ottimismo.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> AstraZeneca, dissequestrato un lotto di vaccini: torneranno agli hub

Intanto, nella sua scuola maestri e compagni pregano per lui.Siamo stravolti da quanto è successo. Preghiamo per lui in tutto il nostro istituto e chiediamo al Signore di essere vicino al piccolo Eitan” ha spiegato Madre Paola Canziani all’Ansa: “Frequenta la nostra scuola dell’infanzia da circa un anno. Solamente pochi giorni fa aveva incontrato il vescovo Corrado Sanguineti insieme ai suoi compagni. È pieno di entusiasmo e di voglia di imparare, era seguito da una famiglia giovane e positiva“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui