Adriano Celentano dice addio: “Mi scuso con tutti, ma devo farlo”

Il celebre cantante Adriano Celentano ha deciso di salutare tutti sui propri social, scusandosi di quella che sarà la sua assenza: i motivi

Adriano Celentano
Adriano Celentano (Getty Images)

“Cari amici Inesistenti! Ho deciso, mio malgrado, di non pubblicare più video, sia su “Instagram” che su “Facebook” per motivi TECNICI e vi chiedo scusa per questo”, questo lo sfogo sui propri profili social da parte di Adriano Celentano. “Ho perso le notti a giocare per sorprendervi coi miei Video, ma quando poi li vedo su INSTAGRAM e su FACEBOOK noto, come anche in questo ultimo di Battiato, che sono SPUDORATAMENTE fuori SYNC, e ciò mi rattrista terribilmente”.

Essere fuori sync, spiega Celentano, significa vedere un film dove il movimento delle labbra e l’audio del video non vanno di pari passo, creando un ritardo.

LEGGI ANCHE—> Temptation Island, si sono lasciati: pubblico spiazzato

Adriano Celentano e la profonda riflessione

(Instagram)

Lo sfogo di Adriano Celentano è molto più profondo di quello che sembra e si rifà a temi di una certa importanza.

“Un difetto quello del SYNC che non riguarda solo le diverse piattaforme digitali, ma anche i canali TELEVISIVI, come Rai, Mediaset e altri”, tuona il molleggiato. “Il SYNC, per loro non è che un optional, è sempre in RITARDO o in ANTICIPO, come in ritardo sono le idee di chi fa televisione, figlia di una cattiva manutenzione”. Il discorso diventa poi più pungente: “Ecco perché poi crollano i ponti, le funivie e la gente muore. Lo si vede anche quando trasmettono i vecchi film. Anche lì i grandi attori di una volta arrivano sempre dopo, perché prima di loro arriva la polvere dalla quale devono farsi largo”.

LEGGI ANCHE—> Anticipazioni Beautiful, protagonista lascia la soap: clamorosa indiscrezione

Alla fine del messaggio si congeda con una promessa: “Continuerò a scrivervi, INESISTENTI”. Pronti i commenti di elogio nei confronti di Celentano e la tristezza di chi è consapevole di perdere un gran pensatore.