Stresa, nuovo dramma sul Mottarone: muore cameraman colpito da malore

0

Nuova tragedia a Stresa, in provincia di Verbania. Operatore Tv impegnato per Mediaset è stato colpito da un malore mentre raggiungeva la vetta dove domenica scorsa hanno perso la vita 14 persone 

Stresa, nuovo dramma sul Mottarone:
Incidente Mottarone, sono in corso in queste ore le indagini del caso (screenshot Twitter)

Non finiscono i drammi a Stresa sul monte Mottarone dove domenica scorsa hanno perso la vita 14 persone precipitate dalla cabinovia a causa di un guasto nell’impianto. Questa volta a perdere la vita è stato Nicola Pontoriero, di anni 52, cameraman freelance impegnato a documentare per le reti Mediaset quanto accaduto alla funivia.

L’uomo mentre lavorava sul luogo dell’incidente è stato colto da un improvviso malore. Stando alle prime indiscrezioni, il 52enne si era avventurato nei sentieri della montagna per raggiungere la vetta quando si è sentito male. Inutile l’intervento del 118 che ha cercato di rianimare l’uomo. In queste ore il soccorso alpino piemontese sta recuperando la salma di Nicola Pontoriero.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Tragedia a Stresa, gravi le condizioni del piccolo di cinque anni: è l’unico sopravvissuto

Posto sotto sequestro l’impianto. La procura di Verbania indaga su quanto accaduto domenica scorsa

Stresa, nuovo dramma sul Mottarone:
Tragedia Mottarone (Screenshot Twitter)

La procura di Verbania intanto indaga su quanto accaduto domenica scorsa. Sono 14 le vittime che hanno perso la vita in seguito al guasto della cabinovia del monte Mottarone. Al momento non vi sono indagati ma potrebbero essere resi noti nelle prossime ore.

LEGGI QUESTO ARTICOLO>>> Roma, sprofonda la strada a Torpignattara: cosa sta succedendo

L’unico sopravvissuto è Eitan, il piccolo di 5 anni che ha perso nell’incidente i genitori ed un fratellino di due anni. Eitan Brian immediatamente ricoverato presso l’ospedale infantile Regina Margherita di Torino, è stato sottoposto ad un’operazione. Le sue condizioni restano gravi. La procura di Verbania continua le proprie indagini oltre che sui documenti cartacei, anche sul materiale immortalato dal sistema di videosorveglianza installato nella struttura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui