Internet Explorer pronto ad abbandonare il web: la data d’addio

0

Uno dei grandi colossi del web si prepara ad abbandonarlo definitivamente. C’è la data d’addio di Internet Explorer

internet explorer
Internet Explorer abbandonerà il web a giugno del 2022 (Pixabay)

Prima dell’avvento dei vari Google Chrome, Mozilla Firefox e Safari, Internet Explorer era considerato da tutti il miglior browser disponibile. Dopo oltre 25 anni di storia, Microsoft ha dato la triste notizia: tra poco più di un anno verrà eliminato definitivamente.

Un processo di spegnimento partito da lontano, con l’interruzione del supporto agli altri settori offerti dalla casa fondata da Bill Gates. Lo scorso anno è stato il turno di Microsoft Teams, nei prossimi mesi toccherà a Microsoft 365 e così via fino ad arrivare ad Outlook, OneDrive e Office365. Per la fine definitiva di Internet Explorer, invece, c’è una data da segnare in rosso sul calendario: il 15 giugno 2022.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Netflix rilancia dopo i film e le serie tv: super servizio in abbonamento

Internet Explorer ai saluti, i numeri confermano il fallimento

internet explorer
Una notizia di cui si parlava già da tempo e che ora è diventata ufficiale (Pixabay)

A quanto pare, Internet Explorer ha fatto il suo tempo. Dopo oltre 25 anni di servizio, il browser di casa Microsoft saluterà il web il prossimo 15 giugno del 2022. Tanti i motivi che hanno portato a questa decisione drastica da parte della casa fondata da Bill Gates. Innanzitutto l’incompatibilità del servizio con le pagine web più sviluppate, che utilizzano plug-in e altri elementi troppo avanzati per il browser. C’è poi la questione sicurezza, da tempo tallone d’Achille di Internet Explorer.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Fortnite accoglie un club di Serie A: torneo e premi in palio

Per sopperire a tutto questo, la stessa Microsoft ha lanciato il servizio Edge, disponibile da luglio 2015 nella sua prima versione. Stando a quanto riferisce NetMarketShare, comunque, ad oggi ancora il 5% degli utenti globali è rimasto fedele al browser più antico di tutti. Numeri che stridono con la quota di mercato del 90% tra il 2003 e il 2005 e del 65% ad inizio 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui