Denise Pipitone, nuovo colpo di scena: indagate due persone

0

Nuovo colpo di scena sul caso di Denise Pipitone, la bimba scomparsa nel 2004. Le forze dell’ordine in queste ore stanno indagando nuovamente su due persone.

Denise Pipitone
La bambina scomparsa nel 2004 (via WebSource)

Non finiscono i colpi di scena sulla scomparsa di Denise Pipitone. Infatti le forze dell’ordine hanno riaperto il caso ed adesso indagando su due persone: Anna Corona e Giuseppe Della Chiave. I due, infatti, sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla Procura di Marsala. La Procura ha deciso di aprire un fascicolo per possibili depistaggi o fughe di notizie, che avrebbero impedito alle forze dell’ordine di ritrovare la bambina.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid Italia, dalla zona gialla alla zona bianca: cosa succede a giugno

A rendere nota la notizia ci ha pensato la trasmissione ‘Quarto Grado’ su Rete 4. Secondo la procura di Marsala verranno nuovamente analizzate alcune intercettazioni ambientali. Il sospetto principale è Anna Corona, ex moglie di Pietro Pulizzi padre biologico della piccola Denise. Inoltre anche la figlia dell’uomo, e sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi era stata processata e poi assolta in via definitiva dall’accusa di sequestro di persona.

Denise Pipitone, indagine della Procura di Marsala: nuova analisi delle intercettazioni ambientali

Denise Pipitone, parla l'avvocato Frazzitta
La bimba all’epoca della scomparsa (Screenshot Rai)

Il secondo indagato è Giuseppe Della Chiave, nipote di Battista Della Chiave. Proprio quest ultimo era il testimone sordomuto (oggi deceduto) che rivelò di aver visto la bambina in un capannone di Mazara del Vallo. Denise, infatti, era in braccio proprio a Giuseppe mentre faceva una chiamata. Successivamente, stando alla ricostruzione, Giuseppe si avviò al molo con Denise avvolta in una coperta.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Mario Draghi al summit sulla salute: “Vaccinare il mondo velocemente”

A raccogliere la testimonianza ci pensò Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio. Infatti stando alla famiglia Pipitone, l’uomo non conosceva il linguaggio dei segni. Così davanti ai magistrati il testimone si avvalse della facoltà di non rispondere. Inoltre ha fatto scalpore la lettera anonima ricevuta da Frazzitta negli ultimi giorni. Stando alla lettera, il testimone avrebbe visto Denise Pipitone in macchina con alcune persone, poco dopo il rapimento. Inoltre l’uomo ha scritto che Denise piangeva ed intanto chiedeva aiuto. Si infittisce il mistero intorno alla scomparsa della bimba, con la Procura che adesso cerca una nuova svolta al caso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui