Sergio Mattarella, si chiuderà un secondo mandato: “Sono vecchio, tra otto mesi mi posso riposare”

0

Il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha fatto visita in una scuola romana: le sue parole sono state da insegnamento per gli studenti

Sergio Mattarella, si chiuderà un secondo mandato
Sergio Mattarella (Getty Images)

In visita in una scuola romana, il Capo dello Stato, Sergio Mattarella ha fatto sapere che a breve si chiuderà un secondo mandato. “Io sono vecchio, tra qualche mese potrò riposarmi“, così Mattarella ha annunciato che tra otto mesi il suo mandato di presidente termina.

“Quando mi hanno eletto al Quirinale mi sono preoccupato perché sapevo quanto era impegnativo il compito”, ha aggiunto Mattarella. Ma il presidente è stato aiutato nel suo compito da una schiera di collaboratori molto bravi e anche dal fatto che “in Italia non c’è solo un organo che decide, ma tanti”.

TI CONSIGLIO DI LEGGERE QUESTO ARTICOLO>>> Green pass, valido dopo 15 giorni dalla prima dose: durerà 9 mesi dal compimento del ciclo vaccinale

Sergio Mattarella e l’importanza di aiutarsi vicendevolmente

Sergio Mattarella, si chiuderà un secondo mandato
Sergio Mattarella (Getty)

Le parole del Capo dello Stato hanno voluto fare da insegnamento per gli alunni di un istituto primario romano dove ha fatto visita: è importante aiutarsi vicendevolmente. “Se ci si aiuta vicendevolmente si vive meglio, si sta meglio”.

Mattarella ha dunque spostato l’attenzione sulla pandemia e al lavoro che si è portato avanti in questi mesi con l’arrivo dei vaccini: “Ora i vaccini hanno iniziato a sconfiggere il virus, ma mentre eravamo chiusi in casa al riparo, le donne e gli uomini della polizia e delle altre forze dell’ordine erano in giro affrontando il pericolo garantendo il rispetto delle regole e della sicurezza”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Scuola, bocciatura per i banchi a rotelle: “Mai adoperati in 7 casi su 10”

Il Capo dello stato ha ribadito ulteriormente il principio di uguaglianza: “Siamo tutti uguali di fronte alla legge. Qualunque sia il colore della pelle, l’etnia, siamo tutti uguali”. E’ stata la pandemia a ricordarcelo costringendo tutti ad indossare le mascherine, giovani e anziani. La sua visita nella scuola ha infine esaltato l’importanza della riapertura degli istituti scolastici: “Pensavo a come è importante aver riaperto le scuole, tutte le scuole, ed essere qui per sottolineare la ripresa della vita normale in Italia“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui