Gaza, continuano gli attacchi aerei di Israele: almeno 40 morti

0

Non si arrestano gli attacchi aerei dell’Israele sulla striscia di Gaza. Sono almeno 40 i nuovi decessi, l’Onu chiede di ‘cessare il fuoco immediatamente’.

Gaza Israele
Il paese israeliano continua a bombardare la Palestina (Getty Images)

L’Israele non arresta i suoi attacchi aerei sulla striscia di Gaza, provocando almeno altre 40 morti. Tra i decessi ci sono almeno 16 donne e 10 bambini, con il bilancio complessivo delle vittime che sale a 192 (58 minori e 34 donne) e circa 1.230 feriti. Ancora una volta gli aerei israeliani hanno iniziato ad attaccare su Gaza City alle prime luci dell’alba, dopo che i militanti di Hamas hanno lanciato alcuni razzi al sud del paese.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coprifuoco, Di Maio verso la svolta: “E’ il momento di superarlo”

L’esercito di israeliano ha quindi continuato il conflitto con una decina di attacchi, dopo una tregua durata solamente un paio d’ore. In serata il governo ha anche comunicato di aver attaccato un complesso dell’intelligence militare di Hamas. Secondo i funzionari palestinesi, quella di ieri è stata la giornata con il numero più alto di vittime. Inoltre non sembrerebbe esserci pace per la Palestina, con il premier israeliano Benjamin Netanyahu che non ha intenzione di fermare gli attacchi ed afferma: “L’operazione richiede ancora del tempo”.

Gaza, Israele continua ad attaccare: crescono i morti e situazione al collasso negli ospedali

Gaza bombardamenti israele
Altro attacco israeliano su Gaza (via Getty Images)

Una situazione al collasso quella di Gaza, con il paese che è in crisi non solo per il Coronavirus. Infatti gli attacchi missilistici hanno danneggiato una linea che alimenta l’elettricità dall’unica centrale elettrica in città, ma soprattutto stanno affollando gli ospedali. Un addetto ai soccorsi ha affermato: “Non ho mai visto questo livello di distruzione durante i miei 14 anni di lavoro“.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Fratoianni (SI) a iNews24: “Palestina, la violenza è frutto dell’occupazione militare e della destra israeliana”

Intanto sul conflitto in Medio Oriente è intervenuto anche l’Onu che ha chiesto di cessare immediatamente il fuoco. Antonio Guterres, segretario generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, ha definito le attuali ostilità come ‘spaventose‘. Mentre invece l’ambasciatrice americana dell’Onu, Linda Thomas-Greenfield, ha ricordato di star lavorando con le parti diplomatiche per mettere finalmente fine allo scontro a fuoco.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui