Riapertura discoteche, i gestori: “Ripartiamo col Green Pass”

0

Si valuta la riapertura delle discoteche. La Silb-Fipe ha lanciato la proposta: “Ripartiamo col Green Pass”

riapertura discoteche
Riapertura discoteche, c’è la proposta da parte della Silb-Fipe (Getty Images)

Tra i più colpiti dall’emergenza pandemica, va sicuramente menzionato il settore delle imprese e dell’intrattenimento. Cinema, teatri, discoteche e così via: tutte attività che non hanno potuto riaprire per mesi. In maniera particolare per i locali, tutto tace e non ci si è ancora messi ad un tavolo per parlare di possibili ripartenza.

In questo senso, l’associazione italiana Silb-Fipe ha voluto lanciare un’iniziativa. Due diverse discoteche – una all’aperto e una al chiuso – effettueranno un esperimento, così da poter verificare le condizioni per far sì che i locali riaprano il prima possibile. Si parte il 5 giugno da Gallipoli con un locale all’aperto, per poi proseguire a Milano con una discoteca al chiuso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fratoianni (SI) a iNews24: “Palestina, la violenza è frutto dell’occupazione militare e della destra israeliana”

Riapertura discoteche, i gestori: “Possiamo ripartire col Green Pass”

riapertura discoteche
Nelle prossime settimane ci saranno i primi due esperimenti a Gallipoli e Milano (Getty Images)

Il 5 giugno la discoteca Praia di Gallipoli ospiterà 2mila persone munite di Green Pass, le quali verranno sottoposte ad un tampone all’uscita. Qualche giorno dopo avverrà lo stesso al Fabric di Milano, questa volta al chiuso. L’esperimento lanciato dalla Silb-Fipe vuole far sì che vengano verificate le condizioni per la riapertura in sicurezza delle discoteche.Al governo e al commissario Figliuolo offriamo la disponibilità ad organizzare open day per vaccini anche nei nostri locali, in vista di eventi estivi. Così facendo, la campagna può raggiungere sempre più giovani” ha spiegato il presidente dell’associazione Maurizio Pasca.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid, tutte le ipotesi per l’estate: quarantena, coprifuoco e vaccino

Serviranno gazebo e spazi esterni, ma potremmo discuterne se il governo lo ritenesse opportuno. Noi siamo disponibili a qualsiasi cosa, anche perché prima ci vacciniamo tutti, prima torneremo alla normalità” le sue parole, alle quali ha aggiunto: “Ognuno deve dare il suo contributo“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui