Diletta Leotta, duro attacco da Paola Ferrari: “Mi fa rabbia”

0

Diletta Leotta ha subito un duro attacco dalla giornalista Paola Ferrari per il modo in cui sta facendo carriera: le parole del volto Rai

Diletta Leotta zittisce
Diletta Leotta

La nota giornalista sportiva della Rai, Paola Ferrari, ha rivolto una nuova frecciata all’indirizzo di Diletta Leotta. “Lei è molto ricca e famosa, mica come me che ho fatto molto fatica per così poco. Deve continuare a fare così: guadagni e si goda i soldi”, fin qui nulla di strano. Poi l’attacco velato: “Non può rappresentare le giornaliste italiane come Anna Billò, Giorgia Rossi o Simona Rolandi. Lei può rappresentare solo se stessa. O forse Belen”. Queste sono le parole dure rilasciate ai microfoni de Il Giornale.

Lo storico volto de La Domenica Sportiva ha proseguito così: “A Dazn c’è una donna in gamba, bella e molto capace come Veronica Diquattro. Spero che con lei i modelli femminili possano cambiare. Le ragazze che usano il corpo per diventare famose, mi fanno arrabbiare ma sbaglio perché ognuno è libero di fare ciò che vuole. Io ho sempre considerato invece un affronto che qualcuno mi ascoltasse solo perché sono carina. Devo essere più zen”.

LEGGI ANCHE—> Covid, Sileri: “Togliersi la mascherina all’aperto? Ecco da quando”

Diletta Leotta sommersa di critiche: il periodo non è dei migliori

Diletta Leotta

Nell’ultimo periodo Diletta Leotta è stata sommersa di critiche a seguito degli scoop sulle sue vicende amorose. A questi si sono aggiunti attacchi da colleghe o esponenti della tv italiana.

LEGGI ANCHE—> Barbara D’Urso, pessimo periodo: la notizia è delle peggiori

Tutto ciò, qualche settimana l’ha portata a sfogarsi sul proprio profilo Instagram con un lungo messaggio. La donna, però, continua ad essere al centro dell’attenzione mediatica anche ‘involontariamente’. Questo fenomeno molto probabilmente svanirà con il tempo, quando ormai andranno di moda altri discorsi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui