Razzo cinese, la caduta prevista in Italia: allerta della Protezione civile

0

Razzo cinese, la caduta prevista in Italia il 9 maggio alle 02.24: allerta della Protezione civile per dieci Regioni. Si invitano i cittadini a restare in casa

Caduta razzo cinese
Razzo cinese, la caduta prevista in Italia: allerta della Protezione civile (Foto: Getty)

La notizia si era spara già negli ultimi giorni e ora ha trovato la definitiva conferma. I frammenti di un razzo spaziale cinese potrebbero cadere sul territorio italiano alle 02.24 della notte del 9 maggio (margine di errore di massimo 6 ore). “Lunga marcia 5B”, il nome della sonda asiatica, dovrebbe atterrare in un’area compresa sul territorio di dieci Regioni italiane. A confermarlo è stata la Protezione civile che ha diramato un bollettino di allerta per Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. L’invito degli esperti è di rimanere in casa ed evitare di essere troppo vicini a porte e finestre.

Le previsioni della caduta possono mutare nel corso di queste ore, a causa dell’effetto atmosferico e del comportamento dello stesso razzo.

LEGGI ANCHE >>> Covid nel mondo: situazione fuori controllo in India, emergenza in Giappone

LEGGI ANCHE >>> Meteo, in arrivo nuova perturbazione: ancora maltempo in Italia

Razzo cinese, la caduta prevista in Italia: allerta della Protezione civile per dieci Regioni

Razzo cinese
Razzo cinese, la caduta prevista in Italia: allerta della Protezione civile (Foto: Getty)

Il governo italiano ha costituito un tavolo tecnico per seguire l’evoluzione della situazione. Ne fanno parte l’Asi, l’ufficio del Consigliere militare della Presidenza del Consiglio, rappresentati del ministero dell’Interno, dell’Aeronautica Militare, più la Commissione Speciale di Protezione civile della Conferenza delle Regioni.

La Protezioni civile ha fatto sapere che “rimane poco probabile che i frammenti del razzo possano causare crolli di edifici. Pertanto si consiglia di rimanere lontani da porte e soprattutto finestre (per i detriti) ed evitare gli spazi aperti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui