Scuola, si torna in classe a settembre: decise le date per l’inizio anno

0

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, annuncia il ritorno della scuola in presenza per il prossimo anno: spuntano le date per la riapertura.

Scuola
Le parole del Ministro dell’Istruzione (Foto: Getty Images)

Novità sul fronte scuola, con il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi che annuncia il ritorno in presenza dal prossimo anno. Ovviamente il rientro in classe degli alunni dovrà avvenire in sicurezza. Ad oggi ancora non c’è una data precisa per il ritorno, ma il ministro cerchia due date sul calendario per un possibile ritorno: il 10 settembre o il 15 settembre. Sempre Bianchi annuncia una prima fase di accoglienza, a partire dall’1 settembre, prima che le Regioni decidano per il rientro in classe.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Immunità di gregge, Capua frena: “Difficile, troppo scetticismo sui vaccini”

L’obiettivo però è chiaro, avere tutti gli studenti presenti nelle aule, anche quelli delle scuole superiori. In collaborazione con il commissario straordinario Figliuolo proseguiranno le vaccinazioni per il personale scolastico, ad oggi al 70%. L’obiettivo è completare l’immunizzazione entro il mese di settembre. Inoltre gli studenti rientreranno con ingressi scaglionati, mentre con i ministri Gelmini, Lamorgese e Giovannini si cercherà di organizzare al meglio il trasporto pubblico.

Scuola, Bianchi sul vaccino agli adolescenti: “Insistevo da tempo, fase finale della sperimentazione”

Scuola, Bianchi: moltiplicati investimenti sulla scuola
Patrizio Bianchi, ministro dell’Istruzione (YouTube screenshot)

Patrizio Bianchi da tempo si era sbilanciato sul vaccino agli adolescenti ed adesso festeggia la fase finale della sperimentazione. Infatti vaccinare la fascia più giovane, impedirebbe ulteriormente al virus di diffondersi. Ad oggi solamente il Canada ha già approvato il vaccino per la fascia d’età dai 12 ai 15 anni. Inoltre Pfizer-BioNTech sta sperimentando anche sui soggetti dai 2 agli 11 anni, che andrebbe a bloccare l’ultimo vettore di contagio.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Covid, Gelmini: “Finiamo categorie protette entro due settimane”

Adesso l’ultimo obiettivo del ministro è quello di risolvere il problema delle classi-pollaio. In merito Bianchi afferma il tema fa parte di un nuovo disegno del sistema scolastico. Questo problema colpisce soprattutto le scuole superiori dei grandi centri urbani. Nelle zone interne e di montagna, il ministro ricorda che c’è il problema opposto ossia che le classi non si riescono a riempire. Infine l’inizio dell’anno scolastico dovrebbe combaciare con l’ampliamento del personale, con Bianchi che assicura più di seimila unità tra personale scolastico, insegnanti di sostegno e potenziamento. Inoltre il Governo indirizzerà un miliardo e 125 milioni per la messa in sicurezza di tutte le scuole della penisola.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui