Draghi, lettera delle Regioni: “Posticipare il coprifuoco, settori penalizzati”

0

Le Regioni si rivolgono al Premier Mario Draghi, troppi settori penalizzati: posticipare di un’ora il coprifuoco

Draghi, lettera delle Regioni
Mario Draghi (Foto: Getty)

Non smette di far discutere la decisione del Premier Mario Draghi che impone il coprifuoco alle ore 22.00. Una situazione che vede amareggiati i presidenti delle Regioni i quali chiedono di posticiparlo di un’ora, bensì non alle 22.00 ma alle 23.00.

Inoltre, nella lettera indirizzata dalla Conferenza delle Regioni a Draghi, viene evidenziata la necessità della previsione di una nuova norma che consenta di gestire le riaperture delle attività basandosi sull’andamento della situazione epidemiologica nelle varie Regioni.

Le suddette, inoltre, anche se con rammarico prendono atto delle decisioni emerse nel Consiglio dei Ministri per quanto concerne la didattica in presenza per le superiori e la percentuale minima degli alunni che possono fare rientro in aula.

VEDI ANCHE QUESTO>>> Covid, Zingaretti: da lunedì zona gialla per la Regione Lazio

Le richieste delle Regioni a Premier Mario Draghi

Draghi, lettera delle Regioni
Le richieste delle Regioni (Foto: Getty)

Nella lettera inviata dalla Conferenza delle Regioni a Mario Draghi, viene evidenziata la necessità di stabilire eguali date per la riapertura degli eventi sportivi e degli spettacoli all’aperto, così da non generare discriminazioni. Le Regioni chiedono inoltre di valutare l’anticipazione delle riaperture dei parchi tematici e dei mercati.

POTREBBE INTERESSARTI>>> Vaccino Covid, Figliuolo: “Attese oltre 15 milioni di dosi a maggio”

Infine viene posta l’attenzione al settore del wedding dove si chiede di programmare la ripartenza. Stessa cosa si legge invece per quanto concerne le piscine al chiuso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui