Vaccini, l’avviso dell’Aifa: “Rivalutare fasce d’età se scarseggiano le dosi”

0

Torna a parlare sui vaccini l’Aifa. Infatti l’ente del farmaco italiano ha annunciato di essere pronto a rivalutare le fasce d’età in caso di scarse dosi.

Vaccini Aifa
Le parole dell’Agenzia del Farmaco Italiano sui sieri (via Getty Images)

Dopo l’approvazione di Johnson & Johnson per tutti i cittadini Over 60, torna a parlare Nicola Magrini. Infatti il presidente dell’Aifa ha non solo ricordato che ciò aiuterà la campagna vaccinale, ma ha anche affermato che in caso di scarse dosi sarà necessario somministrare AstraZeneca e Johnson & Johnson anche a tutti coloro che hanno più di 18 anni. Come ricordato da Magrini, infatti, negli over 18 i benefici superano di gran lunga i rischi.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Johnson & Johnson, c’è l’ok dell’Ema: raccomandato per Over 60

Infatti ad oggi i casi di trombosi sono tutti rarissimi, ed in ogni caso si sono verificati in soggetti al di sotto dei 60 anni. Inoltre gran parte dei casi si è verificato in soggetti donne. Il ritardo nell’approvazione di Johnson & Johnson è avvenuto con ritardo, proprio perchè l’Ema ha scelto la via della cautela. L’Agenzia Europea del farmaco, infatti, ha ricordato che il siero è stato valutato più attentamente, per poi destinarlo alla fascia più anziana della popolazione.

Vaccini, l’Aifa sicura: “A fine maggio arriva il vaccino Curevac”

Vaccini AIfa
In arrivo anche il vaccino di Bayer (via Getty Images)

Ma le buone notizie per l’Europa non finiscono qua. Infatti l’Unione Europea è pronta ad approvare il vaccino di Bayer, Curevac, entro la fine del mese di maggio. A confermarlo è il presidente dell’Aifa, Nicola Magrini. Infatti il siero tedesco è della causa farmaceutica Bayer e potrebbe rappresentare la vera svolta per la campagna vaccinale europea.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Estate 2021, Scajola: “Ci saranno le stesse regole dello scorso anno”

Inoltre, dai primi dati, il siero appare più che sicuro e funziona con la tecnologia ad mRna, come accade per Pfizer/BionTech e Moderna. Sono stupefacenti, infatti, i dati dei due sieri americani che non hanno ancora fatto registrare effetti collaterali dopo l’immunizzazione di massa negli Usa. Vedremo quindi quando sarà annunciata l’approvazione CureVac e soprattutto quanto sarà efficace il siero nell’immunizzazione di massa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui