Vaccini, Breton annuncia: “Nei prossimi 3 mesi 54 milioni di dosi all’Italia”

0

Svolta per la fornitura dei vaccini, con Thierry Breton che annuncia la quantita delle nuove dosi per l’Italia: nuova accelerazione nelle forniture.

Vaccini Breton Italia
Nuova fornitura di dosi per il paese (via Getty Images)

Novità sul fronte vaccini per l’Italia, con Thierry Breton che annuncia l’arrivo di nuove forniture. Infatti il commissario europeo del mercato ha confermato l’accelerata nella consegna delle dosi. Le sue parole sono arrivate durante la trasmissione ‘Che Tempo Che Fa‘ di Fabio Fazio. Nuove forniture di vaccino per il paese, che da mesi ha annunciato l’intenzione di accelerare nella campagna vaccinale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, Gelmini sulle vacanze: “Prenotate, ma in Italia”

Stando alle parole di Breton, infatti, sono in arrivo nella penisola 54 milioni di dosi che verranno consegnate nei prossimi tre mesi. Spazio per la consegna non solo di Pfizer/BionTech, ma anche degli altri vaccini previsti dal piano vaccinale. L’obiettivo resta quello di vaccinare tutti i paesi europei, per raggiungere quanto prima l’immunità di gregge e liberarci finalmente del Covid-19.

Vaccini, Breton annuncia 54 milioni di dosi per l’Italia: come cambia il piano

Vaccini Breton Italia
Una delle dosi del vaccino di Pfizer/BionTech (Getty Images)

La nuova consegna delle dosi di vaccini permetterà all’Italia di dare quella tanto sperata accelerata alla campagna vaccinale. Infatti il commissario straordinario, Francesco Paolo Figliuolo, ha promesso 500mila somministrazioni giornaliere entro la fine d’aprile. L’obiettivo però dovrebbe slittare per i primi giorni di giugno e l’arrivo delle nuove dosi dall’Unione Europea dovrebbe aiutare nell’accelerata.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, Sileri: i dati non consentono di abolire il coprifuoco, ok alle riaperture

Durante la sua intervista al talk show di Fabio Fazio, Thierry Breton ha annunciato che è in arrivo anche il passaporto vaccinale per tutti i cittadini dell’Unione Europea. Breton l’ha infatti chiamato il certificato digitale verde, che non sarà obbligatorio e potrà essere ottenuto da tutti i cittadini che hanno ricevuto le due dosi di vaccino. Inoltre il documento potrà ottenerlo anche chi è guarito dal Covid ed ha sviluppato gli anticorpi. Inoltre, a breve, si potrà viaggiare, andare a teatro, in aereo o allo stadio anche eseguendo un tampone molecolare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui