Superlega, Vezzali: “Le autorità sportive risolvano la vicenda e trovino una soluzione”

La sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali interviene con una nota a proposito della nascita della Super League, l'accordo tra varie squadre d'élite che prevede una super competizione.

0

Sto seguendo con attenzione la vicenda della Superlega di calcio e sono molto preoccupata per le conseguenze che uno scontro istituzionale potrebbe portare alla filiera dello sport, che ricordo, comincia con i campionati giovanili e porta, poi, fino ai campionati internazionali e ai Giochi Olimpici”. La sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali interviene con una nota a proposito della nascita della Super League, l’accordo tra varie squadre d’élite che prevede una super competizione.

LEGGI ANCHE: Covid-19, bollettino 19 aprile: 8.864 contagi e 316 decessi

È nata tra domenica 18 e lunedì 19 aprile, ha già un sito internet ed è composta da tre squadre italiane – Juventus, Inter e Milan, tre spagnole – Atletico Madrid, Barcellona e Real Madrid e sei squadre inglesi – Manchester United, Liverpool, Manchester City, Arsenal Chelsea e Tottenham.

Valentina Vezzali - Foto di Getty Images
Valentina Vezzali – Foto di Getty Images

Non entro nel merito della questione per il rispetto dovuto all’autonomia dello sport – continua la sottosegretaria allo sport – ma non posso non sottolineare che lo sport è in grado di coinvolgere miliardi di persone in ogni angolo del pianeta, perché rappresenta i sogni di ogni bambina e bambino e non certo per la pur importante industria economica che lo anima”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Covid, uno studio rivela: indossare doppia mascherina è più efficace

Vezzali, che più volte in questi giorni si è espressa a favore della democraticità degli sport, continua: “Mai, nemmeno di fronte agli interessi economici, possono venire meno i principi del merito, della sana competizione, della solidarietà così come i valori educativi dello sport. Ogni bambino italiano, nel momento in cui inizia a fare sport, deve poter credere che il suo sogno sia realizzabile solo attraverso il merito sportivo e non influenzato da interessi commerciali e economici”.

LEGGI ANCHE: Covid, Salvini: “Vogliamo far cadere il tabù del coprifuoco”

Infine l’ex schermitrice conclude: “Mi auguro che le autorità sportive interessate possano trovare in tempi brevi una soluzione che non solo risolva la vicenda, ma soprattutto non crei contrapposizioni. Auspico quindi che si abbandonino interessi personali o di parte, a tutela del calcio, dello sport e di tutti gli appassionati”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui