Covid, Sileri: i dati non consentono di abolire il coprifuoco, ok alle riaperture

0

Sileri preoccupato sui numeri dei contagi che non consentirebbero ancora di abbattere le restrizioni ma d’accordo sulle riaperture: sono irreversibili

Covid, Sileri: i dati non consentono di abolire il coprifuoco
Pierpaolo Sileri (Facebook)

Il coronavirus continua a non dare tregua, ma l’abbassamento della curva dei contagi dovuto anche alla campagna di immunizzazione con le 14.785.115 dosi del vaccino anti-Covid inoculate portano verso le riaperture anticipate al 26 aprile.

Ma il sottosegretario alla salute, Pierpaolo Sileri, attraverso il suo profilo Facebook sostiene che i numeri relativi ai contagi non sono ancora così favorevoli tanto da abbattere le restrizioni. Soprattutto Sileri sostiene che non sia ancora arrivato il momento di abolire il coprifuoco.

Nonostante ciò le riaperture sono irreversibili grazie alla campagna di immunizzazione. Da metà maggio i progressi della campagna avranno un notevole impatto sui numeri della pandemia: “Finora sono state soprattutto le chiusure a comportare una limitazione della circolazione del virus, ma una volta che si sarà consolidato il numero dei vaccinati nelle categorie fragili inizierà la ‘pressione positiva’ della vaccinazione che avrà anche un effetto positivo sulle riaperture.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Riaperture, Galli critico: “Rischio calcolato male, sono preoccupato”

Silleri rassicura sui vaccini: bisogna proteggere tutte le categorie più a rischio

Covid, Sileri: i dati non consentono di abolire il coprifuoco, ok alle riaperture
Vaccino Covid (Foto: Getty)

Il sottosegretario alla salute, Pierpaolo Sileri, rassicura sui vaccini in commercio affermando che “sono autorizzati, controllati e sicuri”.

LEGGI ANCHE QUESTO>>> Zone gialle “rafforzate”, Crisanti a iNews24: “Riaprire tra tre settimane, quando avremo i numeri dell’Uk. Non il 26”

Quanto alle complicanze registrate con Johnson&Johnson, queste rappresentano un numero davvero esiguo: “Pari a un caso su un milione, una cifra sovrapponibile a quella che si registra per le risonanze magnetiche. Ogni milione di risonanze vi è un decesso causato dalla reazione avversa al mezzo di contrasto”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui