Simona Ventura, la confessione: è addio alla TV?

0

La confessione di Simona Ventura lascia un po’ perplesso il suo pubblico che teme di non poterla rivedere più sul teleschermo 

Simona Ventura
(@Instagram)

Simona Ventura si è raccontata al programma radiofonico notturno, di Radio 2, I Lunatici. È qui che ha raccontato del suo futuro, rispondendo ad una classica domanda: “Come ti vedi tra 20 anni?”. Se molte donne dello spettacolo vorrebbero rimanere on stage per tutta la vita, la conduttrice bolognese ha altri piani: “Non mi vendo ancora in tv tra 20 anni, piuttosto dietro le quinte, quello mi piacerebbe molto”.

LEGGI ANCHE > > > Isola dei Famosi, clamoroso annuncio: “È da squalifica”

In diretta, la Ventura ha fantasticato un po’: “Io ho una serenità di base, so benissimo che non voglio rimanere lì tutta la vita, ho voglia di fare altre cose, di essere nonna, andare in pensione, vivere in un posto di mare col mio compagno, stare a guardarci l’alba e il tramonto. Ho vissuto al meglio le varie fasi della mia vita e quando sarà il momento, vorrò fare selle cose che si fanno quando si raggiunge una certa età”.

Simona Ventura: com’è diventata la TV oggi?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Simona Ventura (@simonaventura)

Attualmente Simona Ventura è impegnata alla conduzione del game show “Game of the Games – Gioco Loco” che, nonostante non stia riscuotendo troppi ascolti, gratifica il lavoro della conduttrice. “Un programma innovativo, all’americana. Lo definisco anche un po’ sadico, perciò ho scelto di poter condurre”. Tuttavia, anche la conduttrice bolognese ha individuato qualche differenza in TV da anni a questa parte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > GF Vip 6, pazza idea come opinionista: l’annuncio

La TV è cambiata in seguito all’avvento delle nuove piattaforme che permettono la trasmissione ed a spiegarlo è chi la TV l’ha fatta: “C’è un po’ meno libertà, ci sono molte piattaforme, ci sono i social, probabilmente meno soldi per fare i programmi. Un’idea può essere bella, ma poi servono i soldi per produrla. E non parliamo della pandemia, che ha creato comunque una contrazione e addirittura il fallimento di tante aziende”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui