Fortnite ed Apple, lo scontro legale continua: c’è un grave risvolto

0

Si arricchisce di novità lo scontro legale tra Fortnite ed Apple. Anche Microsoft potrebbe far parte del processo ai danni del colosso di Cupertino

fortnite apple
Fortnite vs Apple, lo scontro legale si arricchisce di una novità (screenshot Twitter)

Non è più una novità: tra Epic Games ed Apple non scorre buon sangue. I due colossi hi tech nei prossimi mesi si dovranno nuovamente affrontare i tribunale, per via di un processo riguardante la possibilità di effettuare acquisti in-app non passando dall’App Store.

Stando a quanto riferisce l’ex responsabile editoriale di Kotaku Stephen Totilo, tra le ipotesi delle ultime ore ci sarebbe anche il coinvolgimento da parte di Microsoft. L’azienda di Bill Gates andrebbe però a posizionarsi dalla parte di Epic Games, difendendo Fortnite dal blocco su App Store. Ecco tutti i possibili risvolti che potrebbero esserci nei prossimi mesi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, nuovo blocco spaventa gli utenti: come risolverlo

Fortnite ed Apple, potrebbe intervenire anche Microsoft

Microsoft Smartworking
Potrebbe intervenire anche Microsoft: guai per Apple (via Pixabay)

Una notizia che potrebbe stravolgere le carte in tavola: Microsoft sarebbe pronta ad entrare a far parte – con un ruolo da protagonista – nell’infinita battaglia legale tra Epic Games ed Apple. Le indiscrezioni delle ultime ore stanno trovando sempre più conferme, tanto che anche l’ex responsabile editoriale di Kotaku Stephen Olio ha parlato di questo su Twitter. Nello specifico, pare che la software house di Fortnite sia riuscita a convincere Microsoft a prendere parte alla causa.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Fortnite, arriva Aloy di Horizon Zero Dawn: come ottenere la skin

Un dirigente della compagnia potrebbe così comparire in aula come testimone, così da spiegare alla corte dell’ostilità dimostrata da Apple all’ipotesi dell’approdo di xCloud su App Store. Ci sarebbero già oltre 300 mail legate alla tematica che potrebbero essere sfruttate da Microsoft, un’eventualità che il colosso di Cupertino vorrebbe evitare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui