Piano Vaccini, Figliuolo contro De Luca: “Si proseguirà in modo uniforme”

0

Scontro tra il generale Figliuolo ed il governatore campano De Luca sul piano vaccini. Per il commissario straordinario si proserguirà in modo uniforme.

Piano Vaccini Figliuolo De Luca
Il commissario straordinario per la campagna vaccinale (@Twitter)

Cresce la tensione sul piano vaccini italiano, con l’ultimo scontro tra il commissario straordinario, Francesco Paolo Figliuolo, ed il governatore campano, Vincenzo De Luca. infatti nella giornata di ieri il Presidente della Regione Campania ha affermato che una volta conclusa la somministrazione per Over 80 e 70, procederà per fasce economiche. Affermazioni che proprio non sono piaciute al generale Figliuolo che ha ribadito il suo piano.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Campania, De Luca a Figliuolo: “Non procederemo per fascia di età”

Infatti il commissario straordinario alla campagna di vaccinazione ha ribadito che il piano vaccini sarà uniforme a livello Nazionale. Quindi una volta concluse le vaccinazioni per Over 80 e 79, si procederà con Over 60 e così via, continuando quindi per fasce d’età. In contrasto con le parole di De Luca, Figliuolo ricorda che l’obiettivo è mettere al sicuro le persone più fragili ed anziane, ossia quelle persone in cui la mortalità è molto alta.

Piano Vaccini, Figliuolo contro De Luca: intanto sono in arrivo 4,2 milioni di dosi

Piano Vaccini Figliuolo De Luca
In arrivo un grosso cafrico di dosi (Getty Images)

Lo scontro sul piano vaccini arriva alla vigilia di della consegna di dosi più grande dall’inizio della pandemia. Infatti tra il 15 ed il 22 aprile, l’Italia riceverà ben 4,2 milioni di dosi, tra Pfizer, Moderna, AstraZeneca e l’ultimo arrivato Johnson & Johnson. Infatti il siero statunitense è pronto a sbarcare sulla penisola per la prima volta, con più di 180mila dosi. La rivoluzione è che quello Janssen è il primo siero monodose e darà un aiuto all’accelerata nella campagna vaccinale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Riaperture, la posizione di Draghi dopo proteste ‘Io apro’: le richieste al Cts

Inoltre entro la fine del mese, Johnson & Johnson dovrebbe consegnare 4-500mila dosi, in grado di immunizzare altrettante persone. In arrivo inoltre sono previste 3 milioni di dosi di Pfizer/BionTech, con due consegne da 1,5 milioni di dosi. Infine un altro mezzo milione di dosi sarà consegnato da Vaxzevria (ex AstraZeneca) ed altre 400mila in arrivo da Moderna. Si cerca quindi una sensibile accelerata, anche se l’obiettivo delle 500mila somministrazioni giornaliere appare ancora molto lontano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui