Minneapolis, ragazzo ucciso da agente: scoppia la guerriglia nelle strade

0

Minneapolis, ragazzo ucciso da agente: scoppia la guerriglia nelle strade. E’ la rivolta più violenta dalla morte di Floyd lo scorso anno

Minneapolis
Minneapolis, ragazzo ucciso da agente: scoppia la guerriglia nelle strade (Foto: Getty)

Nuovo episodio di violenza negli Stati Uniti, che ha riguardato la polizia e un ragazzo di colore. Vicino a Minneapolis (la città di Floyd), per la precisione a Brooklyn Center, un agente ha ucciso in una sparatoria un ragazzo di colore di soli 20 anni, originario del Minnesota. I vertici delle forze dell’ordine hanno immediatamente riferito che si è trattato di un incidente, ma questo non ha impedito alle persone di riversarsi per le strade.

Daunte Wright, 20 anni, è stato ucciso dopo che l’ufficiale ha utilizzato “erroneamentela pistola al posto del Taser, ha specificato il capo della polizia Tim Gannon.

L’agente, Kim Potter, era di grande esperienza visto che prestava servizio a Brooklyn Center da ben 26 anni. Il sindaco della cittadina vicino Minneapolis ha dovuto introdurre il coprifuoco da domenica, per limitare le violente proteste scoppiate nelle strade.

LEGGI ANCHE >>> Usa, sparatoria nel South Carolina: ci sono diversi morti e feriti

LEGGI ANCHE >>> George Floyd, il nuovo video shock: “Dite ai miei figli che li amo”

Minneapolis, ragazzo ucciso da agente: decine di persone arrestate per violazione del coprifuoco

Proteste Minneapolis
Minneapolis, ragazzo ucciso da agente: scoppia la guerriglia nelle strade (Foto: Getty)

Lunedì la folla ha sfidato il coprifuoco per riunirsi per una seconda notte fuori dal quartier generale della polizia di Brooklyn Center. Testimoni hanno detto che alcuni hanno lanciato fuochi d’artificio e bottiglie contro gli agenti che hanno risposto con gas lacrimogeni e granate assordanti.

La tensione nella vicina Minneapolis è alta mentre continua il processo a un ex ufficiale accusato di aver ucciso George Floyd.

La morte di Daunte Wright è avvenuta domenica, dopo che il ragazzo era stato fermato per una violazione del codice della strada. Dopo essersi fermato e sceso dall’auto, il 20enne ha provato a scappare, innescando la risposta dell’agente.

In una conferenza stampa lunedì mattina, il capo della polizia Gannon ha mostrato un video in cui si vede Wright tentare di salire di nuovo in macchina, mentre i poliziotti tentano di ammanettarlo. A quel punto le forze dell’ordine avrebbero dovuto usare il Taser, come da prassi in queste circostanze. In realtà il ragazzo è stato ferito con un colpo di pistola e mentre cercava di scappare con l’auto, si è schiantato a pochi metri di distanza. Per lui non c’è stato nulla da fare.

È mia convinzione che l’ufficiale intendesse usare il proprio Taser ma per errore gli abbia sparato un proiettile“, ha detto Gannon, aggiungendo: “Non c’è niente che io possa dire per alleviare il dolore“.

Nel frattempo l’agente è stato posto in congedo amministrativo, mentre il sindaco di Brooklyn Center, Mike Elliott ha dichiarato: “Faremo ogni cosa per garantire che sia fatta giustizia per Daunte Wright”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui