Ibrahimovic al ristorante in zona rossa: guai per l’attaccante svedese

0

Nella giornata di ieri, l’attaccante del Milan Zlatan Ibrahimovic è andato in un ristorante nonostante la zona rossa

ibrahimovic ristorante
Ibrahimovic beccato al ristorante in zona rossa (Getty Images)

Ancora guai per Zlatan Ibrahimovic. Durante la partita di sabato sera contro il Parma, lo svedese è stato espulso dall’arbitro Maresca per delle lamentele di troppo e salterà sicuramente la prossima sfida di domenica contro il Genoa. Il weekend turbolento dell’11 rossonero si è concluso però solamente ieri a pranzo, quando ha fatto aprire un ristorante da un suo amico nonostante la zona rossa.

A rivelarlo Fanpage.it, secondo cui insieme a lui c’era anche l’ex compagno di squadra Ignazio Abate. Il pranzo sarebbe costato 300 euro a testa, e non mancano le polemiche per l’infrazione dell’attaccante svedese. Non si è fatta attendere la risposta del titolare di “Tano passami l’olio”, il luogo dell’incontro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, addio Cristiano Ronaldo: cosa sta accadendo

Ibrahimovic al ristorante: “Solo un incontro di business”

La risposta del titolare del ristorante non si è fatta attendere. Pare si sia anche scagliato contro i giornalisti (foto Instagram)

Ibrahimovic, Abate e un altro loro carissimo amico sono venuti a trovarmi ieri a pranzo. Siamo stati nel mio ristorante un paio d’ore e poi sono tornati a casa. É stato un incontro tra amici, abbiamo discusso d’affari e chiacchierato. Non hanno pranzato, abbiamo solo bevuto un bicchiere di vino tutti insieme” ha spiegato il titolare di Tano passami l’olio, il ristorante dove è avvenuto il tutto.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Totti, arriva il Tapiro d’Oro: la reazione spiazza tutti

Lo chef si sarebbe poi scagliato contro i giornalisti, quando gli è stato fatto notare che il suo ristorante sarebbe dovuto rimanere chiuso per via della zona rossa.Ma quale c***o di pandemia, la smettete di rompere i cog***i con sta pandemia?!” le parole riportate da Fanpage.it.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui