Vaccino Covid, Johnson & Johnson promosso: nessun rischio trombosi

0

Vaccino Covid, Johnson & Johnson promosso: nessun rischio trombosi. Le autorità statunitensi hanno diffuso il risultato dei test, confermando la sua sicurezza

Vaccino Covid J&J
Vaccino Covid, Johnson & Johnson promosso: nessun rischio trombosi (foto: Getty)

La sicurezza dei vaccini per il Covid continua a tenere banco in tutto il mondo. Prima i problemi con le dosi di AstraZeneca, bloccate in Italia e Spagna per gli under 60, ora qualche dubbio anche su Johnson & Johnson. Il rischio di trombosi e coaguli nel sangue hanno acceso i riflettori sulla sicurezza del farmaco a mono somministrazione. Quattro casi gravi sono stati riscontrati dall’EMA durante alcuni controlli, con un decesso e hanno portato ad una revisione del vaccino. Secondo quanto comunicato dalle autorità statunitensi non esistono però “relazioni causali”.

“In questo momento non abbiamo trovato alcuna correlazione tra le trombosi e il vaccino e stiamo proseguendo la nostra indagine e le nostre analisi nel caso”, precisa la Food and Drug Administration.  

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid, Locatelli: “Possiamo allungare l’intervallo del richiamo”

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid, Johnson & Johnson avvia i test sugli adolescenti: 16 e 17 anni

Vaccino Covid, Johnson & Johnson promosso: le autorità Usa escludono legami con i casi di trombosi

Vaccino J&J
Vaccino Covid, Johnson & Johnson promosso: nessun rischio trombosi (Foto: Getty)

Nel frattempo l’Agenzia europea del farmaco sta proseguendo nella sua indagine approfondita, considerando che svariate milioni di dosi di J&J dovranno arrivare nei prossimi mesi nel Vecchio Continente.

Il vaccino americano a mono somministrazione si è dimostrato efficace al 67% nella prevenzione delle infezioni. Inoltre è completamente efficace nel prevenire i ricoveri ospedalieri e le morti. Per ora Johnson & Johnson è utilizzato solo negli Stati Uniti e solo in condizioni di emergenza, mantenendo almeno per ora una posizione subalterna rispetto a Pfizer e Moderna. L’autorizzazione nell’UE è arrivata il mese scorso ma la distribuzione dovrebbe partire solo alla metà di aprile.

La società statunitense ha collaborato con le autorità locali e ha specificato in una nota come: “Al momento non è stata stabilita una chiara relazione causale tra questi rari eventi e il vaccino Janssen Covid-19”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui