Cashback, clamoroso: potranno partecipare solo questi utenti?

0

Cashback, arriva il clamoroso annuncio che fa sobbalzare tutti dalla sedia. Pronta un’incredibile novità? 

cashback
Cashback (Getty Images)

Cashback confermato, ma ora si attende una rivoluzione a 365 gradi per quanto riguarda il programma nazionale. Lo annuncia Claudio Durigon, sottosegretario al ministero dell’Economia e delle Finanze. Intervenuto ai microfoni di Affariitaliani.it, il referente politico illustra il percorso da effettuare dopo che l’Aula del Senato ha bocciato la mozione di sfiducia avanzata da Giorgia Meloni con Fratelli d’Italia.

Leggi anche —-> WhatsApp, Google lo rimuove: scampato pericolo per gli utenti

Cashback solo per i giovani? La proposta di Durigon

cashback GOVERNO DRAGHI
Il futuro del piano è sempre più in bilico (Pixabay)

Una mossa che di fatto verosimilmente conferma il concorso anche per il secondo semestre, ma serviranno nuove regole per evitare tutte le polemiche vissute e soprattutto inibire i tantissimi furbetti che si sono mossi ben oltre il limite etico in questi mesi.

Leggi anche —-> Netflix, arriva un ‘durissimo’ colpo: utenti senza parole

Un qualcosa per cui il Governo e il Ministero dell’economia sono già a lavoro, come evidenzia Durigon: “Serve una sorta di rivoluzione per quanto riguarda il cashback: bisogna cambiare l’interpretazione, alcune dinamiche e stiamo già provvedendo in maniera approfondita per ottimizzarlo nel miglior modo possibile”. Da lì, poi, arriva l’idea che non ti aspetti: un cashback magari proiettato direttamente ai giovani. “Potrebbe essere una soluzione per educare i ragazzi a spendere di meno su internet e abituarli a recarsi più volte dai commercianti come non sono più abituati”, evidenzia il politico.

Secondo Durigon, l’attuale impostazione non ha senso: “Non ha una grossa funzionalità così come attualmente è impostato. Il cashback è rivolto ad un’ampia platea e così non è funzionale: sarebbe interessante proiettarla ai giovani appunto, così che diventerebbe una situazione vantaggiosa anche per gli stessi commercianti”. Più che di una rivoluzione, si tratterebbe di un vero e proprio stravolgimento totale che in realtà trova pochissimi consenso tra l’opinione pubblica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui