AstraZeneca, la Spagna ne limita l’utilizzo: solo agli over 60

0

AstraZeneca, la Spagna ne limita l’utilizzo: solo agli over 60. Dopo le valutazioni dell’Ema Madrid ha deciso di non correre rischi

AstraZeneca
AstraZeneca, la Spagna ne limita l’utilizzo: solo agli over 60 (Foto: Getty)

Nonostante le rassicurazioni arrivate dal Regno Unito, permangono i dubbi sui possibili rischi del vaccino AstraZeneca. Le correlazioni tra le dosi del farmaco e i possibili coaguli di sangue nel cervello (pur se in percentuale molto bassa), stanno convincendo diversi paesi a limitarne l’utilizzo solo alle fasce più anziane della popolazione. L’ultima in ordine temporale a prendere tale decisione è stata la Spagna, che procederà con l’immunizzazione solo degli over 60.

La strategia di vaccinazione sta cambiando e da domani solo i sessantenni saranno vaccinati con AstraZeneca“, ha dichiarato mercoledì il ministro della Salute Carolina Darias in una conferenza stampa dopo una riunione dei capi sanitari regionali.

Darias ha confermato come entro la serata di giovedì sarà presa una decisione sull’opportunità di somministrare il secondo ciclo di vaccino a persone che avevano già ricevuto la prima dose.

L’Agenzia europea per i medicinali ha annunciato in precedenza di aver riportato 169 casi di raro disturbo della coagulazione su 34 milioni di dosi somministrate in Europa. La percentuale è assai ridotta, circa una ogni 100.000 persone, ma va pur sempre tenuta in esame. La maggior parte dei problemi si sono verificati nelle donne sotto i 60 anni ed entro due settimane dall’iniezione.

LEGGI ANCHE >>> Covid, Germania valuta nuovo lockdown: preoccupano le terapie intensive

LEGGI ANCHE >>> Vaccino AstraZeneca, Ema: “Trombosi possibile effetto, no a restrizioni”

AstraZeneca, la Spagna ne limita l’utilizzo: no alle dosi per i più giovani

AstraZeneca Spagna
AstraZeneca, la Spagna ne limita l’utilizzo: solo agli over 60 (Foto: Getty)

Maria Jesus Lamas, direttore dell’Agenzia spagnola del farmaco, ha specificato come il numero era più alto del previsto, anche se molto piccolo: “Nonostante la rarità di questi effetti collaterali, la modifica alla guida tecnica è importante“.

Un vertice dei ministri della salute dell’Unione europea non è riuscito a concordare una guida comune per il vaccino. Per questo l‘Ema ha ribadito come ogni paese dovrà prendere una decisone autonoma in materia.

La decisione della Spagna segue quella prese da Italia e Germania nei giorni scorsi. Inoltre, anche in Gran Bretagna, le autorità sanitarie hanno confermato come per gli under 30 si stia valutando un’alternativa credibile.

Tra l’altro non sono mancate le proteste da parte della popolazione spagnola a Madrid, per la poca chiarezza nella campagna di vaccinazione e il continuo cambio di regolamenti.

Nelle ultime 24 ore gli iberici hanno fatto registrare 8.788 nuovi casi, con 126 nuove vittime.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui