Vittoria Puccini, rivelazione in diretta TV: “Anche io una vittima”

0

Vittoria Puccini denuncia il fenomeno del catcalling e si schiera al fianco di Aurora Ramazzotti.

Vittoria Puccini, nota attrice nativa di Firenze, si è schierata al fianco di Aurora Ramazzotti a battaglia contro il fenomeno del catcalling. Ospite ieri di Francesca Fialdini a “Da Noi…a Ruota Libera” su Rai 1, la 39enne ha voluto riaffrontare il tema, di forte attualità negli ultimi giorni, che riguarda appunto le cosiddette molestie di strada.

Una delle prime vip a denunciare questo tipo di violenza è stata la figlia di Michelle Hunziker e Eros Ramazzotti che sui social ha detto: “L’ho sempre trovata un a violenza, un’aggressione in qualche modo, sì verbale, ma le aggressioni non devono essere per forza solo fisiche”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Barbara D’Urso, indiscrezione choc: tradimento all’orizzonte?

Vittoria Puccini, rivelazione in diretta TV: “Anche io una vittima”

A riprendere il discorso e a schierarsi dalla parte di Aurora Ramazzotti è stata l’attrice Vittoria Puccini, protagonista della nuova serie tv in uscita su Rai 1 “La Fuggitiva”. La 39enne ha affermato di aver provato sulla sua stessa pelle questo tipo di violenza: “Trovo che abbia profondamente ragione, è una cosa che ho vissuto anch’io sulla mia pelle e che mi ha sempre dato più che fastidio. Ricordo il senso di disagio che mi lasciava da ragazzina quando mi dicevano le cose per strada o dalle macchine quando gli uomini mi fischiavano”.

Cos’è il fenomeno del catcalling?

Catcalling è formato dal verbo inglese (to) catcall, documentato insieme al nome corrispondente catcall già a partire dalla seconda metà del Settecento per indicare rispettivamente l’atto di fischiare a teatro gli artisti sgraditi e il fischio di disapprovazione stesso. Il sostantivo catcall, nel significato originario di ‘verso che i gatti fanno di notte’, è attestato dalla seconda metà del Seicento.

Dopo la descrizione etimologica del termine, oggi il catcalling non è altro che la molestia verbale rivolta prevalentemente a donne incontrate per strada. Il fenomeno è in costante crescita e condiziona molte donne che non si sentono più libere di camminare per strada e indossare ciò che vogliono. Le molestie di strada non sempre includono azioni o commenti con connotazione sessuale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui